Salvo D'Acquisto

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Salvo D'Acquisto (1920 – 1943), carabiniere italiano, Medaglia d'oro al valor militare.

Citazioni di Salvo D'Acquisto[modifica]

  • Bisogna rassegnarsi ai voleri di Dio a prezzo di qualsiasi dolore e di qualsiasi sacrificio. (da una lettera alla madre[1])
  • Se muoio per altri cento, rinasco altre cento volte: Dio è con me e io non ho paura![2]
  • Tanto una volta si vive, una volta si muore. (ai ventidue civili condannati alla fucilazione[3])

Citazioni su Salvo D'Acquisto[modifica]

  • [Si distingue per il suo innato bisogno] di aiutare gli altri, integrando i primi sentimenti di adorazione verso Dio e di affetto per il prossimo, con le doti tradizionali del carabiniere: l'amore di patria, il coraggio, lo spirito di sacrificio, il senso del dovere. (Gen. Filippo Caruso[1])
  • La storia dell'Arma dei Carabinieri dimostra che si può raggiungere la vetta della santità nell'adempimento fedele e generoso dei doveri del proprio stato. Penso, qui, al vostro collega, il vice-brigadiere Salvo D'Acquisto, medaglia d'oro al valore militare, del quale è in corso la causa di beatificazione. (Papa Giovanni Paolo II)
  • Per comprendere appieno Salvo D'Acquisto bisogna ripercorrere l'itinerario della sua formazione, prima il tratto della sua fanciullezza nella rassicurante cerchia familiare, poi quello della sua vita professionale: un patrimonio di nozioni morali, di precetti religiosi e di esempi edificanti è il plinto solido su cui si erge il suo carattere. È nella genuina fede popolare e nell'orgoglio di appartenenza all'Arma che va ricercato lo stimolo, il detonatore spirituale del suo gesto sublime che sintetizza due forme di eroismo solo apparentemente distanti ma entrambe riconducibili alla volontaria offerta della vita; l'eroismo laico del Soldato e l'eroismo del Martire cristiano. Eppure, quanta naturalezza in quella suprema decisione dettata da una forza niente affatto misteriosa che gli rammenta il più semplice e il più arduo dei doveri del Soldato: il senso di responsabilità verso se stesso. Consapevole di essere Lui e non altri il rappresentante dello Stato, Lui e non altri il garante di un pubblico servizio che ha per fine l'ordine e la giustizia, Egli non si sottrae a tali incombenze e ne paga personalmente il costo. Più d'ogni altro, quindi, Salvo D'Acquisto si fa simbolo compiuto dello spirito di sacrificio e di dedizione dell'Arma; un simbolo che nell'immaginario collettivo del nostro popolo identifica la leggendaria Storia della Benemerita.[4] (Gen. C.A. Luigi Federici)

Note[modifica]

  1. a b Citato in Carmine Di Biase, L'eroismo della carità, Bollettino Salesiano, febbraio 2004, p. 18.
  2. Citato in Barbara Conti, Castel Giuliano, commemorazione per Salvo D'Acquisto, Lagone.it, 21 ottobre 2013.
  3. Citato in L'eroismo di (Salvatore) Salvo D'Acquisto..., Leonardo.it.
  4. Citato in Salvo D'Acquisto la "perla di Palidoro", a cura di Giancarlo Giulio Martini; disponibile su Montelibretti.info

Altri progetti[modifica]