Diego Cajelli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Scolopendra Gigantea)
Jump to navigation Jump to search

Diego Cajelli (1971 – vivente), autore di fumetti e sceneggiatore italiano.

Citazioni di Diego Cajelli[modifica]

  • Il 20 luglio del 1973, all'apice della sua carriera, mentre sta per essere consacrato come una star internazionale, Bruce Lee muore. Post mortem diventerà comunque una star internazionale e un mito del cinema, ma sarà un mito che i suoi fan percorreranno a ritroso. Lee aveva trasformato il genere arti marziali in un fenomeno da botteghino, grazie al suo modo di concepire il genere e alla sua faccia. Quindi, siccome per gli occidentali "tutti i cinesi sono uguali", i distributori e i produttori internazionali da quel momento in poi trasformano tutti i cini che fanno Kung Fu in tanti piccoli Bruce Lee. Escono una valanga di pellicole con attori che vagamente assomigliano a Bruce Lee, nei credits e sui cartelloni vengono scritti a caratteri cubitali dei nomi assonati, tipo Bruce Li o Bruce Lai, Bruce Ly e tutti i Li che ti pare. Si replicano i plot dei film originali con Lee, se non altro per le atmosfere e le ambientazioni di base. I film bruceploitation e i film autentici di Bruce Lee si accavallano via via che il fenomeno Lee si espande in occidente. Coesistono nelle sale e nelle televisioni. Il filone si esaurisce dal 1978 in poi quando, finalmente, viene incoronata una nuova star adatta per i palati occidentali. Il suo nome è Jackie Chan e il film che chiude per sempre la bruceploitation è Snake in the Eagle's Shadow. Tra i vari film cloni con attori cloni, il mio preferito è: Exit the Dragon, Enter the Tiger, dove il fantasma di Bruce Lee, che è morto, chiede a Bruce Li di prendere il suo posto e vendicarlo.[1]

Scolopendra Gigantea[modifica]

Incipit[modifica]

Paola tossì due volte e si svegliò.
Aprì gli occhi per un istante. Una luce intensa, proveniente dall'alto, la costrinse a richiuderli quasi subito. Era intontita, stava uscendo da un sonno molto pesante.
Mentre la sua coscienza emergeva dall'abisso in cui era sprofondata, al cervello di Paola arrivarono una serie di informazioni.
Brutte notizie. Piccoli tasselli percettivi che si incastravano perfettamente in un puzzle mentale, formando via via un disegno orribile.
Questo è un pessimo risveglio, Paola.

Citazioni[modifica]

  • Il pianeta Terra finiva a pochi metri da lei.
  • Concluse che soltanto un pazzo bastardo figlio di puttana poteva impegnarsi nel costruire una cosa simile. E soltanto il più pazzo fra i bastardi figli di puttana poteva arrivare al punto di passare dalla fantasia all'azione.
  • [...] Ricordati che la rabbia è un mezzo, non un fine.
    Ricordati che se vuoi, se ti può essere d'aiuto, puoi parlare con me.
    "Ci manca solo che mi metto a parlare da sola."
    Non lo dirò mai a nessuno.
  • Paola vendeva mobili. Mobili antichi, pregiati, intagliati pezzo per pezzo da maestri d'ascia morti da secoli. Legni scuri, robusti come l'acciaio, dall'odore di cera e aceto.
    Mobili perfetti per gli studi degli avvocati milanesi, per le banche, per uomini d'affari bisognosi di una scrivania più solida delle loro promesse.
  • Il padre di Paola era un venditore. Un commesso viaggiatore, si diceva una volta. Tra le molte cose che le aveva insegnato, nel poco tempo passato assieme, c'era la norma fondamentale di non essere mai antipatici con i camerieri. Non prima che ti servano il cibo.
  • Era grande quanto l'avambraccio di un uomo adulto, e dava l'aria di essere altrettanto forte.
    L'orrendo avambraccio di un maschio robusto, venuto su a bistecche, abituato a lavori pesanti.
  • Poteva sentire il ributtante succhiare di quella creatura. Un maleducato bambino-mostro che ciucciava, ciancicava, masticava a bocca aperta una cena a base di coniglio.
  • Sognò armi, clavi agitate in aria da furibonde donne delle caverne, completamente nude e dagli occhi folli.
  • Il calore, il sesso, le sue labbra umide, le dita birichine erano un ricordo lontano.

Note[modifica]

  1. Da Tutto il cinema exploitation! (prima parte), Diegozilla.com, 5 marzo 2015.

Bibliografia[modifica]

  • Diego Cajelli, Scolopendra Gigantea, in AA.VV., Bugs, Edizioni BD, 2008

Altri progetti[modifica]