Scusate il ritardo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Scusate il ritardo

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Scusate il ritardo

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 1982
Genere Commedia
Regia Massimo Troisi
Sceneggiatura Anna Pavignano e Massimo Troisi
Produttore Mauro Berardi
Interpreti e personaggi

Scusate il ritardo, film italiano del 1982 diretto e interpretato da Massimo Troisi.

Frasi[modifica]

  • Senti Alfredo, cioè, nuje avimme pensato, tutte quante nuje, i figli, tutte quante accussì, avimme pensato, poiché venerdì è o' compleanno e' mammà, no? Non lo so, ce vulévemo fa' nu regalo, tutte quante insieme, no? E niente, avimmo penzato e' 'nce fà 'a televisione, sta sempre annanz' a televisione, però tiene chille colori ca... a televisione fa 'nu poco... E... niente, avimmo penzato e 'nce fà tutte quante nuje, Patrizia e tutte cose, insieme mettévemo 5.000 lire io, 5.000 lire Patrizia e 'nu milione e due tu... (Vincenzo)

Dialoghi[modifica]

  • Vincenzo[Presentandosi ad Anna, avvertito da Patrizia che lei era la prima della classe] : Chee... Che stavi... Stavate a scuola insieme con mia sorella Patrizia?
    Anna: Sì abbiamo fatto il... il quarto insieme.
    Vincenzo: Ho capito [Sommessamente]... Cioè, io, in classe mia, quando andavo a scuola io che stavo, in classe mia ero il terzo.. come ordine... Cioè quando dice è il primo della classe, io ero il terzo... Cioè mica è... È male... Buono... Cioè eravamo trenta, stavamo trentuno, non mi ricordo... Essere il terzo che... Mi ricordo chi ci stava, ci stava Cimino, Balocco poi venivo io. Cimino studiava, cioè uno proprio, sa', chilli là... preciso, Cimino... Sempre... Presente, sempre... Balocco, cioè, era un po' raccomandato, ma no perché veniva prima di me, io dico sinceramente se ero il quinto, sesto, settimo, io cioè... Era racc.. 'O sapevano tutti, era il nipote del segretario, allora sai, a quest'ora erano d'accordo no? Ah, specialmente quella là di geografia, proprio d'accordo e ogni... "Balocco dimmi un argomento a piacere, Balocco dimmi un argomento a piacere", era... E lui conosceva sempre il Giappone, oh e siamo stati tre anni insieme, terza, quarta e quinta, oh, in geografia Balocco sempre interrogato sul Giappone, che poi s'era imparato due, tre cose no? E diceva sempre chelle, ah, cioè: "Dimmi un argomento a piacere, che vuoi parlare?", "il Giappone" e cominciava, di getto, no: "Il Giappone, i giapponesi sono bassi ma di pronta intelligenza", basta! 'A professoressa, ma proprio p'chè erano d'accordo cont 'u segretario, "Va bene, va bene vedo che sei preparato, vai al posto", hai capit'? Subbito, ma se per esempio lui doveva dire la densità oppure le risorse minerarie del Giappone lui n' 'e sapeva, solo il Giappone, i giappones' so' bass' ma di pronta intelligenza... [Anna sta male e poi sviene][1]
  • Tonino: Vincè, io mi uccido: meglio un giorno da leone che cento giorni da pecora! O no Vincè? Meglio un giorno da leone!
    Vincenzo: Tonì, che ne saccio io d' 'a pècura o d' 'o lione? Fa' cinquanta juórne da orsacchiotto!
  • Vincenzo: Tonì, jammuncénne â casa, sta chiuvenno!
    Tonino: E non fa niente, tengo l'impermeabile.
    Vincenzo:Eh, tu 'o tiene, ma io no...
  • Don Pietro: Allora venite solo voi, signora Assunta?
    Assunta: Per forza, don Pietro, chella Patrizia tene a criatura, a chi 'a lascia?
    Don Pietro: E i giovanotti?
    Alfredo: No, grazie padre, io parto.
    Don Pietro: Vince'?
    Vincenzo: Cioè, dove? Je nun saccio niente...
    Assunta: Come non sa niente, bugiardo! Je te l'aggiu ditt, a vedere la Madonna che piange.
    Vincenzo: M'è ditt' a me da Madonna che chiange? Ma quann mai!!
    Assunta: A verità è che a te non ti smuovono nemmeno i miracoli!
    Don Pietro: Eh no, non parliamo di miracoli, il vescovo non si è ancora pronunciato, e poi c'è la dichiarazione di un professore di Napoli il quale ha detto che le lacrime potrebbero essere la trasudazione del legno stesso avvenuta per un improvviso cambiamento di temperatura.
    Assunta: E guarda a cumbinazione stu legno trasudava proprio al posto degli occhi [...] Ce vulesse parla' je cco sto professore.
    Don Pietro: Va bene, poi si vedrà. Allora venite solo voi?
    Assunta: Sì.
    Don Pietro Vince'?
    Vincenzo: No padre, cioè l'ho detto già, non è per cattiveria che non voglio venì, è nu periodo che proprio non.. loro lo sanno. Mi sento abbattuto, triste, non lo so, nun c'ha facc a vedé altra gente che piange, veramente...
    Don Pietro: Come gente? A' Madonna che è, gente?
    Vincenzo: No, che c'entra, mica voglio dire che la Madonna è.. nun c'ha facc, è nu fatt mio, cioè so' io che sto così, e voglio vede' gente nu pocu cchiù... ca se fa... Sinceramente, se rideva ci venivo.
    Don Pietro: Sì, la Madonna rideva!!
    Vincenzo: Perché? Sempre miracolo è. Cioè na statua o ride o piange è nu miracolo. Però non lo so, pare che.. uno che va a vere' te miette... Non lo so, secondo me era meglio pure per voi, perché accussì o professore e' Napoli s'aveva sta' sulu zitto, perché il legno può trasudare mica può ridere. Si è mai visto un albero o una sedia che per improvviso cambiamento di temperatura "Ahahah", l'alberu cca seggia "Hai visto? È cambiato il tempo" No, perché è impossibile.
  • Anna: Mi piace fare l'amore con te.
    Vincenzo: Anche a me.
    Anna: E allora perché non me lo dici mai?
    Vincenzo: Che significa? Se lo faccio, ca lo facciamo accussì, vuol dire che mi piace, no?
    Anna: Eh no.
    Vincenzo: Come no? No. È mai visto ca mi so' dato 'na martellata sulla mano o mi so' tagliato un orecchio? No. Sai perche? Perché non mi piace. È normale, Senza che uno ha da' dicere tutt'e cose. Certe cose vanno da sé. Se uno capisce capisce.

Altri progetti[modifica]