Seth Grahame-Smith

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Seth Grahame-Smith (1976 — vivente), scrittore e produttore cinematografico statunitense.

Incipit di alcune opere[modifica]

La leggenda del cacciatore di vampiri[modifica]

Non posso parlare di ciò che ho visto, né cercare sollievo al dolore che provo. Se lo facessi, questa nazione sprofonderebbe in una follia ancora più grave, o crederebbe di avere un pazzo come presidente. La verità, temo, dovrà vivere sotto forma di carta e inchiostro. Nascosta dimenticata finché ciascuno degli uomini qui citati non sarà divenuto polvere.

Dal diario di Abramo Lincoln,
3 dicembre 1863
1

Stavo ancora sanguinando... mi tremavano le mani. Per quanto ne sapevo, lui era ancora li che mi guardava. Da qualche parte, come in lontananza, veniva il suono di un televisore acceso. Un uomo stava dicendo qualcosa a proposito dell'unità.

Orgoglio e pregiudizio e zombie[modifica]

È cosa nota e universalmente riconosciuta che uno zombie in possesso di un cervello debba essere in cerca di altro cervello. E tale verità si era dimostrata in tutta la sua evidenza durante le recenti aggressioni a Netherfield Park, nelle quali una famiglia di diciotto persone era stata massacrata e divorata da un'orda di morti viventi.
«Caro Mr Bennet, sapete che Netherfield Park è stato finalmente riaffittato?» disse un giorno una signora al marito.
Mr Bennet rispose che non lo sapeva e continuò ad affilare il pugnale e a lucidare il moschetto perché, nelle ultime settimane, gli attacchi degli innominabili si erano succeduti con frequenza allarmante.

Bibliografia[modifica]

  • Seth Grahame-Smith, La leggenda del cacciatore di vampiri, traduzione di Francesco Graziosi, Ed. Nord, 2012. ISBN 9788842919902
  • Jane Austen, Seth Grahame-Smith, Orgoglio e pregiudizio e zombie, traduzione di Ida Maranesi e Roberta Zuppet, Ed. Nord, 2009.

Film[modifica]

Altri progetti[modifica]