Silvia Ballestra

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Silvia Ballestra (1969 – vivente), scrittrice italiana.

  • I conflitti non esistono più: alla polizia, ai preti, allo Stato, ci si va a consegnare di propria sponte. (da I giorni della Rotonda, Rizzoli, 2009)
  • [Sul linguaggio] Non butterei tutta la responsabilità sui giovani perché il turpiloquio non è più appannaggio dei giovani. Però è vero: la parolaccia è brutta da sentire ma se diventa un intercalare comune si depotenzia. E quando poi vogliamo usare una parolaccia vera, che facciamo? È una zona di eversione del linguaggio che dovrebbe continuare a esistere — mentre i giovanilismi sono come i brufoli, poi passano: la lingua è in movimento, è un organismo vivo che si evolve. (da Corriere della sera, 14 gennaio 2010)
  • [Sul tu] Segre ha scelto un esempio particolare, perché la parola "vu cumprà" è proprio brutta. E il lei al posto del tu è difficile sia da usare sia da capire. Ci sono lingue, come l'inglese e lo svedese, dove la seconda persona plurale assolve questa funzione. (da Corriere della sera, 14 gennaio 2010)

Altri progetti[modifica]