Silvia Montefoschi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Silvia Montefoschi (1926 – 2011), psicoanalista e filosofa italiana.

L'ultimo tratto di percorso del pensiero uno[modifica]

  • Il soggetto dunque ritorna, ma nel suo ritornare, non è più trascendente, bensì immanente all'uomo che riflette su di sé e, qui sta l'originale, il soggetto non è più singolare, bensì duale, come sono due i soggetti che insieme riflettono all'interno della relazione psicoanalitica.
    E proprio all'interno della relazione psicoanalitica i due soggetti sono venuti, via via da allora, scoprendo, come realtà vivente, quella stessa dinamica del Soggetto Trascendente Hegeliano, quale percorso che lo Spirito fa per raggiungere la visione totalizzante di sé come Spirito Assoluto. (da Oltre Hegel: la Psicoanalisi)

Opere. Vol. 1: Il senso della psicoanalisi. Da Freud a Jung e oltre.[modifica]

  • L'uomo è orientato sin dall'inizio verso la realtà, così che il principio del piacere non può più essere considerato il principio primario del comportamento umano, bensì un "principio sussidiario" che entra in gioco quando falliscono le relazioni oggettuali.
  • La malattia mentale allora esprime contemporaneamente un movimento di rottura (autonomo e inconsapevole) con le forme di vista istituzionalizzate e lo stacco che il movimento stesso subisce.
  • La naturale tendenza dell'Io che si sviluppa è quella di riconoscersi ogni potere decidente su se stesso e sul mondo circostante.

Bibliografia[modifica]

  • Silvia Montefoschi, L'ultimo tratto di percorso del pensiero uno: escursione nella filosofia del XX secolo, Zephyro Edizioni, 2006. ISBN 8883890302
  • Silvia Montefoschi, Opere. Vol. 1: Il senso della psicoanalisi. Da Freud a Jung e oltre., Zephyro Edizioni, 2004. ISBN 8883890175

Altri progetti[modifica]