Simone Caltabellota

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Simone Caltabellota (1969 — vivente), editore e scrittore italiano.

Incipit de Il giardino elettrico[modifica]

Mio adorato,

ti scrivo queste parole dalla mia stanza, la nostra stanza.
Di là le voci dei miei genitori che continuano a discutere e non possono vedere quanto male mi porto dentro. Continuano a chiedermi di te, del perché sono settimane che non telefoni e che non sei nei miei discorsi. Ma come faccio a spiegare loro che ora il mio cuore è solo?
No, non è per questo che ti scrivo, anche se ti vorrei dire tante cose, e abbracciarti, abbracciarti forte fino ad essere di nuovo una cosa unica, bella, eterna.
Ma non posso, non adesso.

Bibliografia[modifica]

  • Simone Caltabellota, Il giardino elettrico, Bompiani, 2010. ISBN 8845264823

Altri progetti[modifica]