Vai al contenuto

Stefano Jacini

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Stefano Jacini

Stefano Jacini (1826 – 1894), politico ed economista italiano.

Citazioni di Stefano Jacini[modifica]

  • Il lavoro è l'unico fattore della produzione, i capitali e la scienza agraria si confondono nei muscoli del coltivatore.[1]
  • L'accentramento amministrativo ebbe per conseguenza l'accentramento nei deputati di ogni specie d'influenze... il parlamentarismo guastò l'amministrazione.[2]
  • [ Sul montanaro] La sua qualità di proprietario si risolve in una illusione: deve pagare i carichi, tremare per la sola possibilità d'una intemperie; e rara fortuna è la sua, se non cade negli artigli dell'usuraio.[1]

Citazioni su Stefano Jacini[modifica]

  • Il vecchio uomo politico Jacini, che era stato ministro con Cavour, si fece portavoce del buonsenso affermando che inutilmente i giornali esaltavano le magnifiche prospettive dell'Africa orientale e che i soli argomenti ch'essi erano in grado di trovare non erano altro che vuote frasi e mere banalità. (Denis Mack Smith)
  • Secondo Jacini, era urgente reagire alla politica estera megalomane e alla politica finanziaria disastrosa di Crispi chiamando a raccolta le forze conservatrici intorno a tre punti programmatici principali: politica estera di raccoglimento e di equilibrio; politica interna di decentramento regionale; politica religiosa di ravvicinamento al Vaticano in vista di una conciliazione fondata possibilmente sulla soluzione già da lui indicata nel 1887. (Giorgio Candeloro)

Note[modifica]

  1. a b Citato da Luchino Dal Verme nella Tornata del 12 febbraio 1904 della Camera dei Deputati (Regno d'Italia).
  2. Da I conservatori e l'evoluzione naturale dei partiti politici in Italia, G. Brigola e Comp. editori, 1879.

Altri progetti[modifica]