Vai al contenuto

Stella del mare

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Stella del mare

Descrizione di questa immagine nella legenda seguente.

Galliano Masini e Luisa Ferida nel film

Titolo originale

Stella del mare

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 1938
Genere commedia, musicale
Regia Corrado D'Errico
Soggetto Giacomo Dusmet
Sceneggiatura Ettore Maria Margadonna
Interpreti e personaggi

Stella del mare, film italiano del 1938 con Luisa Ferida e Galliano Masini, regia di Corrado D'Errico.

Frasi[modifica]

Citazioni in ordine temporale.

  • Attenta Luisa, che a furia di belle canzoni non debba finire in una canzonatura. (Francesco)
  • Ricordati però che io sono una persona seria. Quello lì invece fa il pescatore per scherzo, il marinaio per burla e l'innamorato per sport. (Francesco) [a Luisa, parlando di Gianni]
  • Da parte mia ditegli che l'odio, che è un porco. Sì, diteglielo. E voi farete bene a non mollarlo. Rimanete accanto a lui come... come l'edera, che dove s'attacca muore. (Amico di Gianni) [a Luisa, parlando di Gianni]
  • Ma chi credi di essere? Perché t'abbiamo insegnato a cantare una decina di romanze, ti credi di essere diventato un grand'uomo? Ti illudi, mio caro. Tu sei un disco, nient'altro. Un disco. Tu ripeti quello che ti insegnano. (Colombi) [a Gianni]

Citazioni su Stella del mare[modifica]

  • Evidentemente il soggettista e dietro di lui gli altri autori del film, volevano fare una specie di parodia compendiata di tutte le ingenuità, le incongruenze e la povertà d'immaginazione, solite a trovarsi in questi film di tenori. Però era meglio se lo facevano capire di più... (Filippo Sacchi)

Altri progetti[modifica]