Steva De Franchi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Ritratto di Steva De Franchi

Stefano De Franchi, detto Steva, noto anche come Micrilbo Termopilatide (1714 – 1785), poeta italiano.

  • Voi mi direte che le tre lingue toscana, francese e spagnola se sono date delle regole e hanno messo al mondo delle grammatiche e dei dizionari. Verissimo: ma questo con tutta facilità se può fare anche per la lingua genovese: che i Genovesi non abbiano stampato le regole della loro lingua, ciò non vuol dire che non le abbiano; e che le abbiano di fatto lo si vede bene nella facilità con la quale si intendono tra di loro, e distinguono perfettamente quel che è errore da quel che no: si intendono e si parlano nei consessi più rispettabili del governo, trattando le materie più serie; si intendono e si parlano dagli avvocati innanzi ai tribunali della maggiore autorità.[1]
Voî me direi, che re træ lengue Toscaña, Françeize, e Spagnolla, se son fæte dre regole, e han misso à ro mondo dre grammatiche, e dri diçionarii. Verissimo: ma questo con tutta façilitæ se pœu fâ da ra lengua Zeneize assì. che ri Zeneixi non aggian stampao re regole dra sò lengua, questo non prœuva che non re aggian. e che re aggian de fæto, se vedde cæro in ra façilitæ, con ra quæ s'intendan fra de lô ri boin Zeneixi, e distinguan benissimo quello chi è errô de parlâ. s'intendan e se parlan in ri consessi ciù rispettabili dro Governo, trattandose materie interessanti. s'intendan e se parlan da ri Avvocati inanti ri tribunali dra maggiô aotoritæ.[2]

Note[modifica]

  1. Traduzione da Andrea Acquarone, Zena 1814. Come i liguri persero l'indipendenza, Fratelli Frilli Editori, Genova, 2015, p. 86. ISBN 978-88-6943-094-7
  2. Dalla prefazione a Ro chittarrin o sæ strofoggi dra muza, Stamperia Genixiana, Genova, 1772, pp. VIII-IX

Altri progetti[modifica]