Terry Carr

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Terry Gene Carr (1937 – 1987), scrittore statunitense.

Incipit di alcune opere[modifica]

L'inutile cerimonia[modifica]

La vita è più dura per Paul che per tutto il resto di noi, ma non ci può far niente. Rende le cose ancora più difficili di quanto non siano, e non capisco proprio perché. Non posso leggergli il pensiero. Paul è mio padre.

Vivono su livelli[modifica]

A Ram Manjari, Livello Chandra, 12 settembre 2422:
I tuoi discorsi mi divertono oltre ogni dire – non sto più nella pelle, come diceva il mio vecchio istruttore di igiene. Che strano modo il tuo; devi stare attento a non rendermelo troppo reale, altrimenti potrei venirti a raggiungere presto, e allora che ne sarebbe delle nostre comunicazioni?
Dall'ultima volta che ci siamo parlati, siamo immersi nei suoni. Ogni mattina da ovest viene un suono di cornamuse; e poi rintocchi e cinguettii aleggiano tutto il giorno sopra le nostre teste, e dal cielo piovono periodicamente grida di gioia. Molto strano, ma gradevole. Noi invece non sentiamo alcun bisogno di vocalizzare; ti sembrerebbero tutti molto cupi e silenziosi, ne sono certa. Ascoltiamo, stupefatti.

Bibliografia[modifica]

  • Terry Carr, L'inutile cerimonia, traduzione di Beata Della Frattina, in "Prove di maturità", Mondadori, 1975.
  • Terry Carr, Vivono su livelli, traduzione di Marina Nunzi, in "Storie del Pianeta Azzurro", a cura di Sandro Pergameno, Ed. Nord, 1987.

Altri progetti[modifica]