Thorp McClusky

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Thorp McClusky [...], scrittore statunitense.

Incipit di alcune opere[modifica]

L'evocazione[modifica]

«Prima il martello di un acconciatetti scivola dal tetto e per un pelo non mi spacca la testa. Il giorno dopo un busto di Napoleone cade dal suo piedistallo e mi manca di poco... poi una delle spade della collezione di mio fratello si unisce al complotto di oggetti inanimati e... Mon Dieu! È solo un miracolo che non sia stata decapitata!»

La marcia degli zombie[modifica]

La Packard spider aveva lasciato la pianura e stava arrampicandosi sulle colline. Era un terreno accidentato; quella strada secondaria non era niente di più che due profonde carreggiate dove cresceva l'erba... la macchina arrancava a malapena. In alto, le vivide fronde degli alberi quasi si toccavano, coprendo tutto e intensificando il caldo.
La lettera di Eileen aveva spinto Anthony Kent giù per la Costa Atlantica, col cuore pesante e la mente in subbuglio. C'era qualcosa di strano nel brusco abbandono di Eileen.

Bibliografia[modifica]

  • Thorp McClusky, L'evocazione, traduzione di Gianni Pilo, in "Storie di streghe", a cura di Gianni Pilo, Newton & Compton, 1996. ISBN 8881834480
  • Thorp McClusky, La marcia degli zombie, traduzione di Gianni Pilo, ne "Il meglio di Weird Tales. La marcia degli zombie", Fanucci, 1988.

Altri progetti[modifica]