Tom Harper

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Tom Harper, pseudonimo di Edwin Thomas (1977 — vivente), scrittore britannico.

Incipit di La città dei libri proibiti[modifica]

Oberwinter, Germania

Quella mattina il paese era sommerso da una spessa coltre di neve. Un gelido silenzio dominava le strade. Tutte le auto parcheggiate davanti all'albergo erano ricoperte di ghiaccio; tranne una, sulla quale una mano guantata aveva disegnato un cerchio grossolano sul finestrino del lato guida. Dietro al vetro oscurato, baluginava e ardeva una sigaretta accesa.
Da dietro l'angolo apparve una giovane donna, che salì di corsa la scalinata dell'albergo. Aveva un abbigliamento da corsa: una felpa con il cappuccio, i pantaloni di una tuta, scarpe da ginnastica, un cappello di lana e uno zainetto in spalla. Ma non era una giornata adatta per andare a correre; nessuno aveva lasciato l'albergo dalla notte precedente. Entrò dalla porta principale e scomparve. La sigaretta dentro l'auto arse più velocemente, poi si spense.

Bibliografia[modifica]

  • Tom Harper, La città dei libri proibiti, traduzione di Annalisa Biasci, Newton Compton, 2010. ISBN 9788854118287

Altri progetti[modifica]