Ki no Tsurayuki

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Tsurayuki Ki no)
Jump to navigation Jump to search
Ki no Tsurayuki

Ki no Tsurayuki (872 circa – 950 circa), poeta e scrittore giapponese.

Citazioni di Ki no Tsurayuki[modifica]

  • [Gli imperatori del periodo classico indicevano spesso gare poetiche per conoscere la capacità intellettuale delle persone del loro seguito ed anche:] «l'amore che ciascuno nutriva per i fiori (i quali sarebbe andato a cercare in terre inaccessibili e inospitali) ed il coraggio di smarrirsi anche fra una bufera di tenebre per correre a contemplare la luna sorgente in un orizzonte di luce e di poesia». (citato in Arcangeli, p. 51, nota)
  • La poesia ha il cuore umano per seme. Gli uomini sono pieni di attività diverse, fra le quali la poesia è quella che consiste nell'esprimere i pensieri del cuore con metafore tolte da ciò che vedono e sentono. Ascoltando l'usignolo che canta tra i fiori, o il gracidar della rana fra le acque dello stagno, noi riconosciamo una verità, cioè che ogni essere vivente fa udire un canto ed esprime il proprio sentimento.[1] (dalla prefazione di Tsurayuchi al Kokinwakashū; citato in Arcangeli, pp. 210-211)
  • Le rosse foglie dei momiji / Che cadono per valli lontane del monte / Senza che alcuno le veda, / Son come un broccato / Sepolto dalla notte.[2]
  • Gli antichi imperatori, nei mattini della primavera in fiore o nelle notti allunate di autunno, solevano chiamare a sé i principi e le dame seguite dalle ancelle fedeli, per proporre una gara a chi meglio componesse dei tanca. Da qui giudicavano chi avesse intelletto arguto e pronto, chi una mente incolta e poco sviluppata...
    Quando nelle sere d'autunno, sul Tatta galleggiavano a mille le rosse foglie dell'acero, il Micado, entusiasmato, paragonava ad un tappeto di broccato quella vista, che pareva invitare a giacervi sopra... (citato in Arcangeli, p. 211)
  • Il musco, i pini altissimi | e quanto è a Te d'intorno | nel nulla ineluttabile | sarà travolto un giorno | Tu solo non morrai, | Ivascimizu mai. (da Al tempio di Ivascimizu[3], traduzione di T. Gargallo; citato in Arcangeli, p. 211)

Citazioni su Ki no Tsurayuki[modifica]

  • Anche ZURAIUCHI è poeta; anzi è uno dei più grandi poeti che il Giappone abbia avuto. E giudicandolo per mezzo di quelle similitudini che gli erano tanto care, noi potremo paragonarlo ad un grande albero che innalza al cielo i rami fronzuti e i variopinti fiori odorosi, su cui volentieri si posano le torme di uccelli. (Pacifico Arcangeli)

Note[modifica]

  1. Con questa traduzione a p. 51: «la poesia ha il cuore umano per seme. Gli uomini sono pieni di attività diverse, fra le quali la poesia è quella che ci fa esprimere i pensieri con metafore tolte da ciò che si vede o si sente. Ascoltando l'usignolo che trilla tra i fiori o la rana che gracida fra le acque dello stagno, noi riconosciamo una verità, cioè che ogni essere vivente fa udire un canto ed esprime il proprio sentimento».
  2. Fosco Maraini, Ore giapponesi, Corbaccio, 2018 p. 298 ISBN 978-88-7972-207-0
  3. Santuario dedicato ad Hachiman, divinità scintoista.

Bibliografia[modifica]

  • Pacifico Arcangeli, Letteratura e Crestomazia giapponese, Milano, Cisalpino, Istituto Editoriale Universitario, 1990 (ristampa anastatica autorizzata dall'editore Ulrico Hoepli). ISBN 8820506505

Altri progetti[modifica]