Un giorno di ordinaria follia

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Un giorno di ordinaria follia

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Falling Down

Lingua originale inglese
Paese USA
Anno 1993
Genere drammatico
Regia Joel Schumacher
Sceneggiatura Ebbe Roe Smith
Produttore Timothy Harris, Arnold Kopelson, Herschel Weingrod
Interpreti e personaggi

Un giorno di ordinaria follia, film del 1993 con Michael Douglas e Robert Duvall, regia di Joel Schumacher.

TaglineLe avventure di un uomo comune in guerra con la realtà quotidiana.

Frasi[modifica]

  • Vado a casa! (William Foster)
  • Nei denti la valigetta, nei denti! (William Foster)
  • Sentite ragazzi, questa giornata per me è cominciata male... È meglio che lasciamo perdere. (William Foster)
  • Impara a sparare stronzo! (William Foster)
  • Ho superato il punto di non ritorno. Sai qual è? È il punto in cui, in un viaggio, è più conveniente proseguire che tornare indietro. (William Foster)
  • Io cerco soltanto di arrivare a casa per la festa di mia figlia, e se nessuno si metterà sulla mia strada, nessuno si farà del male. (William Foster)
  • Stivaletti da escursione! Questi sarebbero il meglio del meglio; scientificamente concepiti e vaccate del genere, garantiti dai cazzoni della protezione ambientale. Non fanno un graffio a uno scoiattolo neanche se riesci a mettergli un piede sulla testa, personalmente penso che sono adatti per debosciati e froci! Questi, invece, sono stivaletti per la giungla vietnamita, questi costano la metà e durano il doppio... perfetti per calci in culo ai finocchi! Naturalmente dopo devi staccarti la merda dalle suole e dai tacchi ma sappi che il gioco vale la candela, ho torto o ragione? (Nick)
  • Tu... tu credi che io voglia derubarti? No... no, vedi... no! Non sono io il ladro. Non sono io che chiedo 85 cents per una coca-cola, sei tu il ladro! Io sto solo difendendo i miei diritti di consumatore, e riporto i prezzi al 1965...che te ne pare?! (William Foster)
  • Ho superato il punto di non ritorno, lo sai qual è? È il punto in cui è più conveniente proseguire...che tornare indietro. Ti ricordi quegli astronauti che si ritrovarono nei guai? Che andavano sulla luna? Qualcosa andò storto, non so, qualcuno aveva sicuramente sbagliato e bisognava riportarli sulla terra. Ma loro avevano superato il punto di non ritorno, cosi dovettero farsi tutto il giro intorno alla Luna e persero ogni contatto con la Terra per non so quante ore… tutti stavano col fiato sospeso, si aspettavano di veder sbucare dall'altra faccia della Luna un carico di morti. Ora ci sono io, sull'altra faccia della luna, ho perduto i contatti con il mondo e tutti dovranno stare con il fiato sospeso aspettando che sbuchi. (William Foster)

Dialoghi[modifica]

  • Nick: Siamo uguali! Non lo capisci?
    Foster: Noi due non siamo affatto uguali! Io sono americano e lei è un maniaco stronzo!
    Nick: Ma che razza di giustiziere sei tu?
    Foster: No... ma quale giustiziere? Io cerco soltanto di arrivare a casa per la festa di mia figlia, e se nessuno si metterà sulla mia strada, nessuno si farà del male.
  • Bambino [vedendo Foster con un lanciarazzi]: Questo film che state girando come si chiama?
    Foster: Ah... eh... Avviso di distruzione. Ti piace?

Altri progetti[modifica]