Veronica Roth

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Veronica Roth

Veronica Roth (1988 — vivente), scrittrice statunitense.

Incipit di alcune opere[modifica]

Divergent[modifica]

C'è solo uno specchio a casa mia, dietro un pannello scorrevole nel corridoio al piano di sopra. Secondo le regole della nostra fazione, mi è permesso starci davanti una volta ogni tre mesi, il secondo giorno del mese, quello in cui mia madre mi taglia i capelli.
Mi siedo su uno sgabello e mamma, in piedi dietro di me, li accorcia con le forbici. Le ciocche cadono a terra formando un anello biondo cenere.

Four[modifica]

Mi risveglio dalla simulazione gridando. Mi brucia il labbro e, quando lo tocco, mi ritrovo i polpastrelli macchiati di sangue. Devo essermi morso.

Insurgent[modifica]

Mi sveglio con il suo nome sulle labbra.
Will.
Prima ancora di aprire gli occhi, lo vedo di nuovo crollare a terra. Morto.
Sono stata io.

Bibliografia[modifica]

  • Veronica Roth, Divergent, traduzione di Manuela Visintin, De Agostini, 2012. ISBN 9788841871423
  • Veronica Roth, Four, traduzione di Roberta Verde, De Agostini, 2015. ISBN 9788851125714
  • Veronica Roth, Insurgent, traduzione di Roberta Verde, De Agostini, 2013. ISBN 9788851137557

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]