W.G. Sebald

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Winfried Georg Sebald (1944 – 2001), scrittore e saggista tedesco.

Citazioni di W.G. Sebald[modifica]

  • [...] la fotografia, che altro non è di fatto se non la materializzazione di fenomeni spettrali in virtù di un'arte magica molto sospetta [...][1]
  • Nessuno sa spiegare esattamente cosa succede in noi quando si spalanca la porta dietro cui sono celati i terrori dell'infanzia.[2]

Incipit di Austerlitz[modifica]

Nella seconda metà degli anni Sessanta mi recavo di frequente, in parte per motivi di studio, in parte per altre ragioni a me stesso non ben chiare, dall'Inghilterra al Belgio, a volte solo per un giorno o due, a volte per parecchie settimane.[3]

Note[modifica]

  1. In Le Alpi nel mare, traduzione di Ada Vigliani, Adelphi, Milano, 2011, p. 40. ISBN 978-88-459-2580-1
  2. Da Austerlitz. Citato in AA.VV., Il libro della letteratura, traduzione di Daniele Ballarini, Gribaudo, 2019, p. 338. ISBN 9788858024416
  3. Citato in Giacomo Papi, Federica Presutto, Riccardo Renzi, Antonio Stella, Incipit, Skira, 2018. ISBN 9788857238937

Altri progetti[modifica]