We Were Soldiers - Fino all'ultimo uomo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

We Were Soldiers – Fino all'ultimo uomo

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

We Were Soldiers

Lingua originale inglese, francese
Paese USA
Anno 2002
Genere guerra
Regia Randall Wallace
Soggetto basato su We Were Soldiers Once… And Young
Sceneggiatura Randall Wallace
Produttore Bruce Davey, Stephen McEveety
Interpreti e personaggi

We Were Soldiers – Fino all'ultimo uomo, film statunitense del 2002 con Mel Gibson, regia di Randall Wallace.

Frasi[modifica]

  • Quando Cavallo Pazzo era bambino, succhiava il latte dal seno di tutte le donne della sua tribù, i Sioux allevavano i figli così; ogni guerriero chiamava ogni donna della tribù mamma, e chiamava nonno ogni guerriero più anziano, combattevano come una famiglia, questo voglio dire, proteggete i vostri uomini, insegnate loro a proteggersi a vicenda perché quando saremo là, potremo contare solo l'uno sull'altro. (Tenente Colonnello Hal Moore)
  • Il primo figlio di puttana che mi chiama nonno lo ammazzo! (Sergente Maggiore Basil L. Plumley)

Dialoghi[modifica]

  • Sergente Maggiore Basil L. Plumley: Prendi questo fucile.
    Joseph Galloway: Ma io sono un civile...
    Sergente Maggiore Basil L. Plumley: Oggi non vale.
  • Sergente Ernie Savage: Bella giornata sergente maggiore!
    Sergente Maggiore Basil L. Plumley: Sei diventato un meteorologo del cazzo?
  • Tenente Colonnello Hal Moore: Mi chiedo cosa provasse il generale Custer quando vedeva i suoi uomini morire.
    Sergente Maggiore Basil L. Plumley: Il generale Custer era una mezza sega, lei no.
  • Sergente Maggiore Basil L. Plumley: Non me lo perdonerò mai...
    Joseph Galloway: Che cosa signore?
    Sergente Maggiore Basil L. Plumley: Che i miei uomini siano morti e io no.

Altri progetti[modifica]