Yu Hua

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Yu Hua

Yu Hua (1960 – vivente), scrittore cinese.

L'eco della pioggia[modifica]

Incipit[modifica]

Nel 1965 il bambino che io ero cominciò a temere in modo inesplicabile l'oscurità della notte. Ho riportato alla memoria quella sera pervasa da una sottile pioggia fluttuante: m'ero già addormentato; ero così piccolo, mi avevano poggiato sul letto come si fa con un giocattolo. Il ticchettio dell'acqua sulle grondaie esaltava il silenzio; il sonno si era a gradi impadronito di me, come io poco a poco avevo cacciato nell'oblio il gocciolio della pioggia. Deve essere stato nel momento in cui calmo e fiducioso mi abbandonavo al sonno che mi apparve una strada remota e tranquilla, a cui alberi e ciuffi d'erba lasciavano ordinatamente il passo. Da lontano si sentì una donna che chiamava con voce di pianto. Quella voce roca che risuonò improvvisamente spezzando l'incomparabile silenzio di prima pervase di brividi l'infanzia che rivive adesso nella mia memoria.

Citazioni[modifica]

  • Non c'è nulla che faccia rabbrividire quanto un grido disperato di abbandono lanciato nella solitudine di una vasta e nera notte di pioggia.
  • Non sono affatto un uomo disposto a morire per le proprie convinzioni, amo troppo il gorgoglio della vita che scorre nel mio corpo. A parte la vita in sé, non riesco a trovare altre ragioni per cui valga la pena di continuare a vivere.

[Yu Hua, L'eco della pioggia, traduzione di Nicoletta Pesaro, Donzelli, Roma.]

Citazioni su Yu Hua[modifica]

  • È bravissimo nel descrivere i bambini. Con un umorismo tutto suo. (Mo Yan)

Altri progetti[modifica]