Yusuf Shahin

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Yusuf Shahin

Yusuf Shahin, noto anche come Youssef Chahine (1926 – 2008), regista egiziano.

Lezioni di cinema[modifica]

  • Mi piace, su un set, il rapporto con gli attori. Se non siete totalmente conquistati dai vostri attori, totalmente (è una specie di adorazione) loro stessi non si sentono più protetti. Si deve stabilire una forma di confidenza totale, un amore totale, affinché gli attori possano aprirsi a voi completamente. Voi siete il primo spettatore, il primo a ricevere quello che hanno da offrire, e dovete fare in modo che, attraverso il vostro amore di regista, diano ancora di più di quello che vorrebbero. (p. 101)
  • L'attore è un essere senza colpa, per il fatto che se l'assume tutta il regista (che è roso dall'angoscia mentre i suoi attori splendono di desiderio). Se un attore ha voglia di rifare l'inquadratura diciassette volte, bisogna concederglielo, come un'oblazione. [...] bisogna essere disponibili per gli attori, la macchina da presa viene dopo di loro, tutto viene dopo, hanno diritto a tutti i capricci e tutti noi, sul set, siamo loro schiavi. Nel momento stesso dell'atto cinematografico, la ripresa di un'inquadratura, non c'è che l'attore. (p. 102)
  • Il cinema è l'arte che non sopporta questa ipocrisia, questo gioco delle apparenze. È fatto, direi, per confessare i desideri, anche i più violenti. Perché il regista, attraverso i suoi attori e i suoi luoghi, si indirizza a un perfetto sconosciuto, il pubblico. Se non c'è trasparenza, se tenete troppo presente l'educazione vittoriana, se siete ipocriti, lasciate perdere la regia, fate i conducenti di tram. È responsabilità del regista lavorare con la verità e mostrarla a tutti. E questo processo comincia con la propria verità. (p. 103)
  • Il cinema non è un dono, ma una vocazione. I registi sono i santi del nostro tempo: danno la loro vita affinché la verità sia detta su pellicola. (p. 104)

Bibliografia[modifica]

  • Gilles Jacob et al., Lezioni di cinema, traduzione di Rosa Pavone, Milano, Editrice Il Castoro, 2007. ISBN 9788880334286

Altri progetti[modifica]