ZEN (Palermo)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Veduta dello ZEN di Palermo, 2014

Citazioni sullo ZEN o Zona Espansione Nord, ufficilamente San Filippo Neri.

  • Lo ZEN, acronimo di Zona Espansione Nord, fin dalla sua nascita risalente alla seconda metà degli anni 60, è stato visto dal resto della città come un inferno a parte, una specie di Bronx palermitano dove perfino polizia e carabinieri entrano mal volentieri. (La mafia non è più quella di una volta)
  • Non è un disastro, la verità è che il progetto non è stato mai completato. [...] Il progetto dello Zen è fallito perché era destinato a un solo strato sociale. A Milano, invece, la Bicocca è un esempio riuscitissimo grazie all'Università. Allo Zen avevo previsto teatri, luoghi di lavoro, ma nulla di tutto questo venne costruito. Le periferie devono essere polifunzionali, avere un servizio unico per le città, mescolare i ceti e non confinare ceti. [...] Va completato, interconnesso. Oggi demolire non è conveniente, è sempre meglio aggiustare. [L'ho rivisto] Due anni fa. È una tragedia vederlo. Se solo l'amministrazione volesse mi trasferirei in Sicilia per finirlo. Lo ridisegnerei allo stesso modo. Mi creda, sarebbe bello. Glielo assicuro. (Vittorio Gregotti)
  • Quel progetto come tutti sappiamo era figlio di una riflessione architettonica che in quegli anni molte altre città hanno fatto, e che era figlio delle utopie radicali, della volontà di trovare abitazioni di qualità, decorose, adeguate per sottrarre la popolazione a condizioni di vita sicuramente [...] di minore qualità. Quel progetto ha subito cambi di realizzazione, ha subito, diciamo, anche il fatto che era talmente poderosa la necessità di residenza in questa città che è stato utilizzato prima ancora di essere completato, non riuscendo a completare una serie di servizi e di opere che l'avrebbero reso un quartiere simile a quelli che ammiriamo – non dissimile da essi – che ammiriamo in altre città. Su questa voglia di riscatto dobbiamo lavorare per completare l'utopia che era alla base di quel progetto. (Maurizio Carta)

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]