Brazil

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Brazil

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Brazil

Lingua originale inglese
Paese Gran Bretagna
Anno 1985
Genere fantascienza, dispotico
Regia Terry Gilliam
Sceneggiatura Terry Gilliam, Tom Stoppard, Charles McKeown
Produttore Arnon Milchan
Interpreti e personaggi
Note
  • Best Production Design al BAFTA Film Award (1986)
  • Best Special Visual Effects al BAFTA Film Award
  • Best Supporting Actor (Ian Holm) al Boston Society of Film Critics Awards (1986)
  • Menzione speciale a Norman Garwood per le scenografie
  • Best Director al Los Angeles Film Critics Association Awards (1985)
  • Best Picture al Los Angeles Film Critics Association Awards
  • Best Screenplay al Los Angeles Film Critics Association Awards

Brazil, film del 1985 di Terry Gilliam con Jonathan Pryce e Robert De Niro.

Frasi[modifica]

  • In una società libera l'informazione deve penetrare dovunque. (Eugene Helpmann)
  • Firmi qui. Qui sotto. Grazie. Anche qui. [...] Questa è la ricevuta per suo marito. E questa è la ricevuta per la sua ricevuta. (Ufficiale giudiziario)
  • Guardate questa statua bambini, è la Statua della Verità. Bisogna sempre dire la verità. [...] La verità vi renderà liberi.[1] (Guida)
  • Fra un po' di tempo grazie al vostro bellissimo sistema non si potrà più aprire un rubinetto senza riempire un 27B/60! (Harry Tuttle)
  • Noi del Central Service ci divertiamo da morire se scopriamo un sabotaggio! (Spoor)
  • Eccoci qua. Il suo nuovo numero sulla porta del suo nuovo ufficio. E dietro quella porta la attendono incarichi importanti e delicati. Congratulazioni, DZ-015 e benvenuto nella nostra squadra. (Warrenn)
  • Lo prenderemo prima o poi il signor Tuttle e lo interrogheremo allo stesso voltaggio del signor Buttle. (Jack)
  • Finora quanti terroristi hai conosciuto, Sam? Terroristi veri. (Jill)
  • La signora Terrain siede ora lassù, tra i beati, tra le schiere degli angeli. Ella venne a questa meravigliosa vita con un corpo sano e ora purtroppo se ne va via col corpo un po' rovinato. (Prete)

Dialoghi[modifica]

  • Giornalista: Signor viceministro, cosa c'è dietro questo aumento del numero di attentati terroristici?
    Eugene Helpmann: Una mancanza di sportività. C'è una sparuta minoranza di persone che sembra aver completamente dimenticato i vecchi valori di una volta e non riesce a sopportare l'idea di aver perso la sua battaglia.
  • Giornalista: Sono passati 17 anni dalla prima bomba.
    Eugene Helpmann: Quel numero gli porterà sfortuna!
  • Jill: Voglio denunciare un arresto sbagliato.
    Impiegato: Si rivolga al ministero dell'informazione, ufficio rettifiche.
    Jill: Sono già stata al ministero dell'infomazione! Sono loro che mi hanno mandato qui, dicono che devo riempire un modulo.
    Impiegato: Ha la ricevuta d'arresto, signorina?
    Jill: Sì!
    Impiegato: L'ha già fatta timbrare?
    Jill: Timbrare?
    Impiegato: No, non ci siamo, signorina, vede, manca il timbro. Non sono autorizzato a darle il modulo se la ricevuta non è timbrata.
    Jill: E a chi mi rivolgo per quel timbro?!
    Impiegato: Ufficio timbri, Ministero dell'Informazione.
  • Kurtzmann: Sa una cosa, non so proprio cosa farei se lei venisse promosso!
    Sam: Non si preoccupi, non accadrà.
    Kurtzmann: Ma se la dovessero promuovere io vorrei che...
    Sam: Stia tranquillo, quando lo faranno, io rifiuterò.
    Kurtzmann: Sul serio, rifiuterà?
    Sam: Ci può giurare!
    Kurtzmann: Lei è stato promosso, Sam!
  • Ida: Allora, Alma cosa prendiamo oggi?
    Alma: Eh, non lo so, mia cara, confesso che sono molto indecisa fra il numero 1 e il numero 2! Tu cosa mi consigli, Spiro?
    Spiro: Se mi permette, madame Terrain, al posto suo je sceglierai le numero 2.
    Alma: Davvero? Be', grazie Spiro! Shirley, Shirley tu cosa prendi?
    Spiro: Se mi permette, mademoiselle, à votre place oggi sceglierei le numero 1. E lei, madame Lowry?
    Ida: Oh, al diavolo la dieta! Penso che prenderò il numero 8, prego.
    Spiro: Ottima. Ottima scelta, mi complimento con lei, Lowry. Monsieur?
    Sam: Una bistecca al sangue, per favore.
    Spiro: Lei deve scegliere. Quel numero voulez-vous?.
    Sam: Non lo so che numero è.
    Spiro: Scelga qui. Avanti.
    Sam: Quello che sta toccando.
    [...]
    Spiro: Scelga il numero, per favore. Monsieur, la prego, deve scegliere un numero! D'accord, numero 3!
  • Alma: Santo cielo, Sam, perché non fai qualcosa per fermare quei dannati terroristi?
    Sam: Perché è ora di pranzo.
  • Sam: Non voglio nessun dolce, non voglio promozioni, non voglio niente di niente!
    Ida: Ma certo che vuoi qualcosa! Avrai pure dei desideri, delle ambizioni, dei sogni nascosti!
    Sam: No, non ne ho! Non ho nessun sogno!
  • Jack: Ti ricordi quanto sporgevano?
    Sam: Cosa? Oh, sì, certo che ricordo. Mi chiedevo sempre se erano vere.
    Barbara: Stai parlando delle orecchie?
    Sam: Certo.
    Jack: Il dottor Jaffe le ha schiacciate all'indietro.
    Sam: Sì, l'avevo notato. Come ho detto, credevo fossero orecchie finte.
  • Sam: Mi chiamo Lowry, Sam Lowry. Dovrei presentarmi al signor Warrenn.
    Usciere: Trentesimo piano, signore. La stanno aspettando.
    Sam: Ehm, non vuole perquisirmi?
    Usciere: No, signore.
    Sam: Vuole vedere i miei documenti?
    Usciere: Non ce n'è bisogno.
    Sam: Potrei essere chiunque!
    Usciere: È impossibile, signore. Le nostre informazioni non ammettono errori.
  • Babbo Natale: Allora, bambina, che regalo vorresti per Natale?
    Bambina: Voglio una carta di credito.
  • Sam: Cos'è successo, perché quelle flebo?
    Alma: Ah, niente, la complicazione ha avuto una leggera complicazione!
  • Jack: Sam, noi siamo sempre stati molto vicini, vero?
    Sam: Certo!
    Jack: ...Bene, finché il caso non è risolto, vedi di starmi lontano.
  • Sam: Mi scusi, Dawson, mi può passare l'ufficio del signor Helpmann, per favore?
    Dawson: Mi dispiace, signore, non posso. Deve fare tutta la trafila burocratica.
    Sam: Sì, capisco. E scommetto che non può neanche dirmi qual è la trafila burocratica perché è un'informazione segreta.
    Dawson: Sono contento di vedere che il Ministero continua a reclutare solo i migliori e i più intelligenti.
  • Sam: Perché siamo venuti qui?
    Jill: Lo so io!
    Sam: Senti, andiamo a casa mia, è più sicuro.
    Jill: Scordatelo.
    Sam: Non ti fidi di me?
    Jill: Fidarmi di te?! Fidarmi di uno che mi sequestra il mio camion, che mi fa perdere il lavoro e mi tira adosso metà dei poliziotti della città, CERTO che mi fido di te!!!
    Sam: Io volevo aiutarti!
    Jill: Ma piantala!
    Sam: Okay, okay! [Farma il carrello] Tu non ti fidi di me e io non mi fido di te! Che cosa c'è in questo pacco?
    Jill: Non tu riguarda, chiaro?
    Sam: Non l'hai lasciato nel camion, quindi ci deve essere qualcosa di molto speciale!
    Jill: Non ho lasciato pure te, eppure non sei per niente speciale.
  • Sam: ...Jill, tu non esisti più. Ti ho ucciso io. Jill Layton è morta.
    Jill: Ti andrebbe di andare a letto con un cadavere?
  • Helpmann: Ce lo siamo fatti sfuggire, Jack.
    Jack: Credo che lei abbia ragione, signor Helpmann. Se n'è andato.

Note[modifica]

  1. Cfr. Vangelo secondo Giovanni: «conoscerete la verità e la verità vi farà liberi».

Altri progetti[modifica]

I film di Terry Gilliam
Monty Python e il Sacro Graal (1975) · Monty Python - Il senso della vita (1983) · Brazil (1985) · La leggenda del re pescatore (1991) · L'esercito delle 12 scimmie (1995) · Paura e delirio a Las Vegas (1998) · I fratelli Grimm e l'incantevole strega (2005)