Cesare Prandelli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Cesare Prandelli nel 2012

Cesare Prandelli (1957 – vivente), allenatore di calcio ed ex calciatore italiano.

Citazioni di Cesare Prandelli[modifica]

  • Due anni fa, quando cominciò la mia avventura azzurra, andai a vedere un Inter-Roma di Supercoppa e in campo c'erano due soli italiani. Capite?[1]
  • [Su Antonio Conte] Ha avuto dieci mesi di squalifica per omessa denuncia, mica vorreste dargli l'ergastolo? Io, nelle dichiarazioni estive[2], mi riferivo a chi vende e compra le partite, non certo a chi viene accusato di omessa denuncia che è un tema delicato: tutti potremmo in qualche modo essere coinvolti per dei sentito dire del passato, quindi ci vuole molta attenzione nel giudicare.[3]
  • [Su Mario Balotelli] I giovani hanno voglia di sognare e lui in certi momenti sa fare sognare. È un ragazzo giovane e non è sempre presente nei comportamenti, ora sta a lui equilibrare le cose. Se fa parlare di sé per le sue prestazioni, come ha fatto nell'ultima partita, è una cosa straordinaria e i giovani si innamorano di un giocatore come lui.[4]
  • L'omofobia è razzismo, è indispensabile fare un passo ulteriore per tutelare tutti gli aspetti dell'autodeterminazione degli individui, sportivi compresi.[5]
  • Mario non è un giocatore come tutti gli altri. Ma gli chiediamo di fare il calciatore, non il personaggio. A livello mediatico, non è uguale agli altri: giriamo il mondo con campioni come Buffon e Pirlo, e il più osannato è Balotelli. I ragazzini impazziscono per lui, e il fatto che lo abbiano accettato, che abbiano deciso che poteva essere il nuovo simbolo dell'Italia, un ragazzo di colore che veste la maglia della Nazionale, vuol dire che forse i ragazzi sono più avanti di noi adulti, hanno superato certe barriere.[6]
  • Nel mondo del calcio e dello sport resiste ancora il tabù nei confronti dell'omosessualità, mentre ognuno deve vivere liberamente sé stesso, i propri desideri e i propri sentimenti. Dobbiamo tutti impegnarci per una cultura dello sport che rispetti l'individuo in ogni manifestazione della sua verità e della sua libertà.[5]
  • [Sulle reazioni scaturite in seguito alla sua prefazione al libro di Alessandro Cecchi Paone] Mi stupisce quando fa clamore una notizia che non dovrebbe essere notizia. Quando uno parla d'amore, quando si parla di sentimenti, ogni persona deve avere il diritto di amare chi vuole. Il mondo del calcio non è fuori dalla società, non è fuori dal mondo, ma è nel mondo, quindi quello che ho detto su certi argomenti, rientra nella normalità. Quando c'è sentimento, quando c'è amore, non bisogna avere paura dei propri sentimenti e bisogna rispettare ogni forma d'amore.[7]
  • [Su Andrea Pirlo] Mi ha colpito come ha battuto il rigore ma, soprattutto, quello che ha detto dopo. Il fatto di aver capito che tirando il rigore in quel modo avrebbe smontato gli inglesi mi ha entusiasmato. Io non ci sarei mai arrivato. Si vede che è un campione anche da queste sfumature che alla fine sono fondamentali.[8]
  • [Su Sebastian Giovinco] Se un giocatore con quelle caratteristiche fisiche arriva in serie A, vuol dire che ha una grinta tale che può scalare le montagne.[9]
  • [Su Pietro Mennea] Un simbolo italiano nel mondo, e non solo dello sport, ma della volontà, del riscatto che nasce dal Sud che tutti noi italiani abbiamo dentro. Aveva una determinazione e una volontà fortissime il dna italiano. Di tutti noi che ci portiamo dentro il nostro sud.[10]
Dall'intervista di Riccardo Pratesi, Prandelli: "Abbiamo fatto sognare, ma ci vuole un cambiamento", Gazzetta.it, 2 luglio 2012
  • [Dopo gli Europei Polonia-Ucraina 2012] Possiamo essere orgogliosi di questa Italia. Siamo soddisfatti perché siamo andati oltre l'aspetto sportivo e abbiamo proposto un gioco piacevole. Abbiamo regalato un sogno all'Italia, pur partendo senza grandi aspettative.
  • Forse nell'ultima partita avrei dovuto avere un po' più di coraggio, ma sarebbe stato mancare di rispetto verso chi ci aveva condotto sino alla finale
  • La nostra prossima partita, l'amichevole con l'Inghilterra, si giocherà il 15 agosto, ma pochi giorni prima si gioca la Supercoppa italiana a Pechino. È complicato. Quando dico che non interessa nulla della Nazionale, è vero.
  • C'è un progetto tecnico, cercheremo di individuare i nuovi Pirlo, per dire, ma se non giocano, diventa poi difficile farli crescere. E poi chiederemmo di avere lo spazio per lavorare con loro, ogni due mesi, per verificare la crescita dei ragazzi promettenti. Se devo limitarmi a fare tre allenamenti ogni otto mesi, diventa dura. Anche se credo di saper fare bene il mio lavoro, e di averlo dimostrato in questo Europeo.

Citazioni su Cesare Prandelli[modifica]

  • Prandelli ha detto che i calciatori gay dovrebbero fare outing e dichiararsi apertamente: ma gli ha dato di volta il cervello? Il calcio è lo sport omofobo per eccellenza e Prandelli pretende che un calciatore si autodenunci? Siamo seri... (Franco Rossi)

Note[modifica]

  1. Citato in Camillo Forte, Il ct gli consegna l'Italia: «Talento straordinario», Tuttosport, 4 settembre 2012, p. 3.
  2. Il 28 maggio 2012, in pieno scandalo Calcioscommesse, durante la preparazione agli Europei a Coverciano, Prandelli aveva dichiarato: «Chi ha sbagliato deve essere cacciato in maniera definitiva dal nostro mondo».
  3. Citato in Camillo Forte, Omessa denuncia, Prandelli lo difende, Tuttosport, 4 settembre 2012, p. 5.
  4. Citato in Prandelli: "Porte aperte per Cassano. Balotelli? È uno che fa sognare", Gazzetta.it, 22 ottobre 2012.
  5. a b Citato in Prandelli contro tabù gay. "Calciatori, fate coming out", Repubblica.it, 24 aprile 2012.
  6. Citato in Buffon: "Balotelli è straripante, e allora provano a fermarlo in un altro modo", Gazzetta.it, 8 giugno 2013.
  7. Citato in Prandelli e l'omosessualità. "Sorpreso dalle reazioni", Repubblica.it, 25 aprile 2012
  8. Citato in Camillo Forte, Prandelli incorona Pirlo: «Sì, è da Pallone d'Oro», Tuttosport.com, 25 giugno 2012.
  9. Citato in Prandelli lancia Giovinco: "Può scalare montagne", la Repubblica.it, 10 ottobre 2011.
  10. Citato in Morto Mennea, Sara Simeoni: "Se n'è andato un pezzo della mia vita", Repubblica.it, 21 marzo 2013.

Altri progetti[modifica]