Esopo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Esopo

Esopo (VII – VI secolo a.C.), scrittore e favolista greco.

Hic Rhodus, hic salta.

Favole[modifica]

  • Nessuno consegue i beni rapidamente, mentre ognuno è colpito dai mali giorno dopo giorno. (da I Beni e i Mali, 1)
  • Quelli che tradiscono l'amicizia, anche se riescono a sfuggire alla vendetta delle vittime, per l'impotenza di queste, non possono in ogni caso sfuggire alla punizione del cielo. (da L'aquila e la volpe, 3)
  • Bisogna, sì, ricompensare generosamente i benefattori, ma anche tenere prudentemente a bada i malvagi. (da L'aquila dalle ali tarpate e la volpe, 6)
  • Il pungolo del dolore è più lancinante quando si debba soccombere per le proprie stesse armi. (da L'aquila colpita da una freccia, 7)
  • Stoltissimi sono quegli uomini che, per la speranza di beni più grandi, si lasciano sfuggire quelli che hanno già tra le mani. (da L'usignuolo e lo sparviero, 8)
  • Non dobbiamo accogliere con piacere i segni d'amicizia di coloro che antepongono noi, amici di recente data, ai vecchi amici, considerando che, se capiterà anche a noi di essere loro amici da tanto tempo ed essi faranno amicizia con altri, preferiranno costoro. (da Il capraio e le capre selvatiche, 17)
  • Bisogna che anche noi, considerando la mutevolezza della vita, non c'illudiamo di godere vicende sempre favorevoli, riflettendo che dopo una lunga bonaccia è necessario che venga una tempesta. (da I pescatori che tirano la rete, 23)
  • L'assuefazione mitiga anche le cose spaventevoli. (da La volpe che non aveva mai visto il leone, 42)
  • Prega gli dèi solo quando anche tu fai qualcosa, altrimenti li invocherai invano.[1] (da Il bifolco ed Eracle, 72)
  • Tanto è più forte la concordia, quanto facile a battersi è la discordia.[2] (da L'agricoltore e i figli discordi, 86)
  • Se nel tempo estivo cantavi, d'inverno balla. (da La cicala e le formiche, 336)

Note[modifica]

  1. Una simile morale è espressa ne Il naufrago, 53; il tema è attualmente presente in molte culture sotto forma di proverbio: «Aiutati che Dio t'aiuta» o «Aiutati che il ciel t'aiuta» (Christian Stocchi, Dizionario della favola antica, BUR, 2012).
  2. In The Fables of Æsop, a cura di Joseph Jacobs (1922) parafrasato in «Union gives strength», corrispondente al proverbio italiano «L'unione fa la forza». Cfr. Plutarco, De garrulitate, 511c.

Bibliografia[modifica]

Citazioni su Esopo[modifica]

  • Nelle favole di Esopo l'asino travestito da leone, la gallina che ritrova una perla, il lupo che fa strage dell'agnello innocente, gli animali convenuti alla caverna del leone, ed altre ancora hanno rispondenza nella simpatia per le bestie, nel desiderio del fantastico e dell'ignoto, propri all'infanzia. (Olga Visentini)

Altri progetti[modifica]