Émile Verhaeren

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Émile Verhaeren (1855 – 1916), poeta belga.

Citazioni di Émile Verhaeren[modifica]

  • In fondo al cuore sacerdotale, | donde il loro splendore s'erige | – oro, argento, diamante, cristallo – || pesanti di secoli e di prestigi, | durante i vespri, quando le sere | alle lunghe preghiere invitano, | s'impongono gli ostensori | i cui fissi gioielli meditano. || Conservano, ornati di fuoco, | per l'universale amnistia, | il bacio bianco dell'ultimo Dio, | caduto sulla terra in un'ostia. !! E la chiesa, come un palazzo di fiamme nere, | ove i reliquiari d'argento e d'ombra | tacciono i loro gridi di tristi metalli, | con lo slancio chiaro delle colonne esulta | ed erge, in fasci d'archi e spigoli, | sino al fastigio l'eternità del culto. || In una cornice di grandi ceri che piangono, | attraverso tempi e giorni e ore, | gli ostensori | sono il solo cuore della fede | che brilla ancora, cristallo e oro, | nelle città della demenza.[1]

Note[modifica]

  1. Da Le cattedrali, traduzione di Antonio Mor, in Le più belle pagine delle letterature del Belgio, a cura di Antonio Mor e Jean Weisberger, Edizioni Accademia, Milano, 1965, pp. 122-123; in Letteratura universale, a cura di Luigi Santucci, vol. XXX: Antonio Mor, Jean Weisberger e Jan Hendrik Meter, Antologia delle letterature del Belgio e dell'Olanda, Fratelli Fabbri Editori, Milano, 1970, p. 67.

Altri progetti[modifica]