Agnese (personaggio)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Agnese e Lucia accolgono fra Cristoforo in un'illustrazione di Francesco Gonin tratta dall'edizione 1840 de I promessi sposi.

Agnese Mondella, personaggio del romanzo I promessi sposi di Alessandro Manzoni.

Citazioni di Agnese[modifica]

I promessi sposi[modifica]

  • [A Renzo e Lucia] A noi poverelli le matasse paion più imbrogliate, perché non sappiam trovarne il bandolo; ma alle volte un parere, una parolina d'un uomo che abbia studiato... so ben io quel voglio dire.
  • [A Renzo e Lucia] Ascoltate e sentirete. Bisogna aver due testimoni ben lesti e ben d'accordo. Si va dal curato: il punto sta di chiapparlo all'improvviso, che non abbia tempo di scappare. L'uomo dice: signor curato, questa è mia moglie; la donna dice: signor curato, questo è mio marito. Bisogna che il curato senta, che i testimoni sentano; e il matrimonio è bell'e fatto, sacrosanto come se l'avesse fatto il papa. Quando le parole son dette, il curato può strillare, strepitare, fare il diavolo; è inutile; siete marito e moglie.
  • [Al cardinale Federigo Borromeo] I poveri, ci vuol poco a farli comparir birboni.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]