Alan Paton

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Alan Paton

Alan Stewart Paton (1903 – 1988), scrittore, politico e attivista sudafricano.

Citazioni di Alan Paton[modifica]

  • [Ted Kennedy] È venuto solo per farsi propaganda; dei neri, in verità, non gliene importa niente. Se gliene importasse dovrebbe andare ad Harlem prima che a Soweto.[1]
  • Lei è stato nello Kwa Zulu Natal, dove vivono sei milioni di Zulu, ed ha visto la rabbia nera? Io ho vissuto al bordo della "valle delle mille colline" per trentacinque anni e non ho mai visto nessuna rabbia nera. E se andrà in Transkei, dove vivono altri quattro o cinque milioni di persone, lei non vedrà nessuna rabbia nera, non sentirà nessun odio nero. La rabbia nera c'è a Soweto, ma dipende molto più da questioni di disgregazione urbana, di perdita totale delle proprie radici contadine, che da questioni razziali che comunque sono continuamente alimentate, fomentate, incoraggiate dall'Anc.[1]
  • Scrivo articoli e recensioni per le riviste sudafricane. Alcuni dei nostri bravi scrittori hanno avuto le loro opere bandite dai censori del governo. Perché? Mio caro amico, nessuno lo sa, nessuno lo sa mai. Coloro che vietano i libri sono imperscrutabili, più imperscrutabili della mente dell'Onnipotente.
I write articles and reviews for the South African journals. Some of our decent writers have had their works banned by Government censors. Why? My dear friend, nobody knows, nobody ever knows. Those who ban books are inscrutable, more inscrutable than the mind of the Almighty.[2]

Citazioni su Alan Paton[modifica]

  • Nel 1964 aveva testimoniato a favore di Nelson Mandela nel processo che doveva poi condannare all'ergastolo il leader dell'African national congress. Nonostante ciò nessuna organizzazione radicale sudafricana, né l'Anc né l'Udf, e nessun leader, né il reverendissimo Desmond Tutu, né Allen Boesak, ha ritenuto di dovere onorare la memoria di Ala F. Paton. Perché? Perché Paton era portatore di un virus che per l'intellighenzia sudafricana (e non solo sudafricana), nera e bianca, è peggiore dell'Aids: era contrario alla violenza. Peggio: sosteneva che la grande maggioranza dei neri sudafricani non è violenta ed è fortemente contraria all'uso della violenza per dare uno sbocco alla complessa situazione politica del Sud Africa. [...] Naturalmente gli feci la domanda rituale. «È ancora possibile fermare la rabbia nera?». Rispose: «Lei è stato nello Kwa Zulu Natal, dove vivono sei milioni di Zulu, ed ha visto la rabbia nera? Io ho vissuto al bordo della "valle delle mille colline" per trentacinque anni e non ho mai visto nessuna rabbia nera. E se andrà in Transkei, dove vivono altri quattro o cinque milioni di persone, lei non vedrà nessuna rabbia nera, non sentirà nessun odio nero. La rabbia nera c'è a Soweto, ma dipende molto più da questioni di disgregazione urbana, di perdita totale delle proprie radici contadine, che da questioni razziali che comunque sono continuamente alimentate, fomentate, incoraggiate dall'Anc». [...] Paton aveva molto in sospetto questo genere di progressisti che sono soliti far gli eroi sulla pelle degli altri. Di Edward Kennedy, che era stato in Sud Africa qualche anno prima, mi disse: «È venuto solo per farsi propaganda; dei neri, in verità, non gliene importa niente. Se gliene importasse dovrebbe andare ad Harlem prima che a Soweto». Questi sono i motivi per cui nessun fiore progressista è stato posato sulla tomba di Alan F. Paton. Così a quest'uomo, che ha dedicato l'intera sua vita e le sue opere alla battaglia antirazzista, è toccato il paradosso di ricevere, in morte, un solo telegramma di condoglianze: quello del presidente sudafricano Botha. (Massimo Fini)

Note[modifica]

  1. a b Citato in Sud Africa, pace e astratti furori, L'Europeo, 29 aprile 1988.
  2. (EN) Citato in Herbert Mitgang, Alan Paton, Author And Apartheid Foe, Dies of Cancer at 85, nytimes.com, 12 aprile 1988.

Adattamenti[modifica]

Altri progetti[modifica]