Aleksandra Michajlovna Kollontaj

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Aleksandra M. Kollontaj

Aleksandra Michajlovna Kollontaj (1872 – 1952), rivoluzionaria russa.

Citazioni di Aleksandra Kollontaj[modifica]

  • Bisogna aprire dinanzi alla donna le ampie porte della vita molteplice, indurire il suo cuore, temprare la sua volontà. È tempo di insegnare alla donna a considerare l'amore solo come un gradino, come un mezzo per rivelare il suo "io" e non come la base della sua vita.[1]
  • Durante il periodo della gravidanza la madre deve ricordare che non appartiene a se stessa, ma che sta lavorando per la collettività, perché col suo sangue produce una nuova unità lavoratrice.[2]
  • Qual è lo scopo delle femministe [borghesi]? Ottenere nella società capitalista gli stessi vantaggi, lo stesso potere, gli stessi diritti che possiedono adesso i loro mariti, padri e fratelli. Qual è l'obiettivo delle operaie socialiste? Abolire tutti i tipi di diritti che derivano dalla nascita o dalla ricchezza. Per la donna operaia è indifferente se il suo padrone è un uomo o una donna.[3]

Citazioni su Aleksandra Kollontaj[modifica]

  • È d'obbligo ricordare Alessandra Kollontaj, i suoi ardori di agitatrice, la sua filosofia sconvolgente, i suoi incontri sbagliati, il suo malinconico declino. (Enzo Biagi)

Note[modifica]

  1. Citato in Aleksandra Michajlovna Kollontaj, Amore, matrimonio, famiglia e comunismo, Il Papiro Editrice, 1993, ISBN A000074797
  2. Citato in Enzo Biagi, Russia, Rizzoli, Milano, 1977, p. 120.
  3. Citato in Il Giorno della Donna, Pravda, 17 febbraio 1913, San Pietroburgo

Altri progetti[modifica]

donne Portale Donne: accedi alle voci di Wikiquote che trattano di donne