Alessandra Sardoni

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Alessandra Sardoni nel 2010

Alessandra Sardoni (1964 – vivente), giornalista e conduttrice televisiva italiana.

Citazioni di Alessandra Sardoni[modifica]

  • La personalizzazione era già legata alla televisione, quindi l'on line e il telematico hanno solo allargato la platea e reso più forte la sensazione, oppure sarebbe meglio dire l'illusione, che basti poco per capire le cose e che chiunque possa dire qualsiasi cosa. Si va verso la tendenza per cui anche raccontare delle banalità o falsità alle persone è lecito: l'illusione più grande, credo, è proprio quella di pensare che si possa non argomentare le proprie affermazioni.[1]
  • Non avevo mai pensato di condurre un programma, anzi, avrei voluto lavorare in un giornale. All'inizio facevo piccole dirette per il Tg La7, molto diverse dalle maratone di Enrico Mentana. Un'estate decisero di fare un esperimento, Otto e mezzo estate. Giuliano Ferrara aveva scelto Pietrangelo Buttafuoco e aveva pensato che io potessi essere la sua compagna di banco. Mi piaceva fare giornalismo politico, tuttora ritengo di essere una cronista politica parlamentare. E quello era lo spazio che avevo per farlo, quindi andava bene. Poi nel 2012 Mentana mi ha chiesto di condurre Omnibus, alternandomi con Andrea Pancani e Gaia Tortora. Sono spazi di approfondimento serio.[2]
  • Non pensavo di fare quello che poi ho fatto, cioè di occuparmi di politica, anzi ne ero lontana, anzi non mi interessava, non mi interessava nemmeno in anni in cui per la mia generazione la politica faceva molto parte della vita.[3]
  • [Intervistatore: So che ha un ruolo al Quirinale ed è stata Presidente della stampa parlamentare. Lo è tutt'ora?] Lo sono stata per un mandato, per tre anni. Da diversi anni, da due mandati, non lo sono più, sono una giornalista parlamentare e sono molto preoccupata in questa fase perché per la prima volta in questi giorni hanno chiuso il Transatlantico ai giornalisti. È una cosa che non è mai accaduta, che hanno provato a fare tanti politici di destra e di sinistra, una cosa che non era mai riuscita e questa volta riesce perché c'è l'emergenza Coronavirus e il presidente della Camera, i questori e i capigruppo hanno deciso di utilizzare il transatlantico come allargamento di postazioni per distanziare i parlamentari e proibiscono l'accesso ai giornalisti. Come ex presidente della stampa parlamentare sono molto preoccupata per questo.[4]
  • [...] quando ero agli inizi, stavamo appostati per ore, perché i politici erano più difficili da avvicinare o da avere in televisione. In passato, c'era una ritrosia su alcune cose, oggi invece ci sono dichiarazioni su tutto. Viene dato così poco valore alla realtà delle cose e alla parola data che episodi di trasformismo, come la crisi dello scorso agosto, in teoria difficili da spiegare pubblicamente, sono stati in qualche modo facili da giustificare. [...] Oggi questo non è più così: sai dov'è il leader, magari perché hai la documentazione video o perché i social ti rendono più facile seguirlo, ma tante cose invece ti sfuggono, come ad esempio, i suoi incontri, che, invece, andrebbero cercati. Gli appostamenti servivano proprio a questo: a vedere chi entrava e chi usciva, magari anche da Palazzo Chigi. Oggi questo lavoro non c'è più. O c'è molto poco.[5]
  • [...] resta sempre l'ambizione di dare la notizia prima degli altri.[5]

Note[modifica]

  1. Dalll'intervista di Rocco della Corte, Intervista ad Alessandra Sardoni: "Fondamentale distinguere etica e politica dall'aspetto giuridico", velletrilife.blogspot.com, 14 luglio 2017.
  2. Dall'intervista di Valeria Montebello, Alessandra Sardoni: "È l’irresponsabilità che ammazza l’Italia", linkiesta.it, 3 maggio 2017.
  3. Da Alessandra Sardoni, Alessandra Sardoni ospite a "Primo piano", mmpwebtv.eu.
  4. Dall'intervista di Luca Dellisanti, Alessandra Sardoni: «Sono i virologi i nuovi protagonisti della scena televisiva», deabyday.tv.
  5. a b Dall'intervista di Matteo Angeli, Politica e media. Parla Alessandra Sardoni, ytali.com, 24 gennaio 2020.

Altri progetti[modifica]