Alessandro Mannarino

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Mannarino nel 2011

Alessandro Mannarino, noto artisticamente come Mannarino (1979 – vivente), cantautore italiano.

Citazioni tratte da canzoni[modifica]

Bar della rabbia[modifica]

Etichetta: Leave Music, 2009.

  • Quando io sono solo con te | sogno immerso in una tazza di tè. | Ma che caldo qua dentro! | Ma che bello il momento! | Quando sono con te | non so più chi sono perché | crolla il pavimento | e mi sciolgo qui dentro. (da Me so' mbriacato, n. 2)
  • Svegliatevi italiani, brava gente, | qua la truffa è grossa e congegnata, | lavoro intermittente, | solo un'emittente, | pure l'aria pura va pagata. (da Svegliatevi Italiani n. 3)
  • E trovandosi sotto il giudizio | né di un Dio né di un tribunale | disse vino al vino pane al pane... | era meglio andare a puttane!. (da Le cose perdute, n. 5)
  • So na montagna... se Maometto nun viene, | mejo... sto bene da solo, er proverbio era sbajato! (da Il bar della rabbia, n. 6)
  • La cosa più sfortunata e | pericolosa che m'è capitata nella vita è la | vita, che una vorta che nasci, giri, conosci, | intrallazzi, ma dalla vita vivo nunne esci... | uno solo ce l'ha fatta, ma era raccomannato. | Io invece nun c'ho nessuno che me spigne. (da Il bar della rabbia, n. 6)
  • Senza mogli e senza buoi, e se me libero pure dei paesi tuoi sto a cavallo, e se me gira faccio fori pure er cavallo... tanto vado a vino, mica a cavallo! (da Il bar della rabbia, n. 6)
  • Per una notte di vino | pagherò cento giorni d'aceto. (da L'amore nero, n. 12)
  • Sono un esperto | di archi e tetture, di architetture, | ma le tette, maledette... | a me piacciono di più! (da Soldi, n. 13)

Supersantos[modifica]

Etichetta: Leave Music, 2011.

  • O mammà come se fa? | Ce dicono de vive da morti, pe' poi resuscità. (da Serenata lacrimosa, n. 2)
  • Solo me chiedo perché | sto così bene co' te, | io che non ho paura | nella notte scura | a fa risse, guerre, scommesse, | mille schifezze | tremo tremo forte fra le tue carezze. (da Statte zitta, n. 3)
  • Era un merlo rosso e cantava solo per se, | ma poi un giorno m'ha vista piangere, | e le mie labbra avevano da bere | solo lacrime turbo diesel nere. (da Merlo rosso, n. 10)
  • L'ultimo giorno dell'umanità, | il terzo figlio trovò l'amore. | Trenta euro per tre graffi sulla schiena | e una moglie in un albergo ad ore. | Intanto sul monte del Calvario | smontavano le Croci, | e ci nasceva un centro commerciale | e due fiori che gridavano feroci. | Il paradiso fu sul letto, | l'eternità in un secondo. | E così finì una storia | da poco della fine del mondo. | Andando per le strade | si nasce e si muore. | Io ti ho amata per sempre | e ti ho avuta per due ore. (da L'ultimo giorno dell'umanità, n. 12)

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]