Alessandro Nesta

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Alessandro Nesta

Alessandro Nesta (1976 – vivente) calciatore italiano.

Citazioni di Alessandro Nesta[modifica]

  • [Sull'infortunio causato a Paul Gascoigne] All'epoca avevo 14 anni, ero alle prime sessioni di allenamento con la prima squadra. Lui era stato l'acquisto più costoso nella storia della Lazio e quel giorno stavamo lavorando a campo ridotto. Mi fece un paio di brutti falli ma io, essendo un giovane, non dissi una parola e continuai a giocare. Ad un certo punto ho provato a fermarlo con un tackle un po' troppo duro e gli causai la frattura di tibia e perone. Nessuno mi disse niente e Paul, una volta tornato dall'intervento alla gamba mi tranquillizzò dicendo che non era colpa mia e mi diede cinque paia di scarpe e un kit da pesca. Non ho idea del perché del gesto, ma era proprio da lui.[1]
  • [Su Zdeněk Zeman] È un allenatore straordinario [...] e credo che ogni giocatore debba sperare di essere allenato da lui perché ti migliora [...]; lui insegna il calcio [...] e credo che sia il più bravo in questo.[2]
  • Il mio trasferimento al Milan fu molto strano. La mattina mi allenai a Formello, era l'ultimo giorno di mercato, poi scese in campo Cragnotti che mi disse che ero stato venduto al Milan. Non potevo rifiutare, conoscevamo tutti i problemi del club e quella stessa sera mi sono ritrovato nello stadio San Siro di fronte a 60.000 spettatori. È stata dura perché non ho nemmeno avuto il tempo di capire cosa stava succedendo.[1]
  • [Riferendosi al presidente della Lazio, Claudio Lotito] Non dico niente. È meglio che non dica niente su di lui. Ho avuto qualche problema quando si diceva che dovevo tornare a Roma, lui elegantemente ha detto che non prendeva giocatori cotti. Magari se la poteva risparmiare questa parola e dire solo che non gli interessavo.[3]
  • Su come stare al Milan, ci sarebbe da fare una serie su Netflix da 12 puntate. Per sapere cosa significa meritarsi una società del genere, anche per giocatori importanti come noi.​ Qualsiasi giocatore deve meritarsi quel club, anche il più forte che c’è, perché non c’è nessun giocatore più grande di quel club. Quando arrivi al Milan ogni cosa è fatta per vincere. Io arrivo dalla Lazio, vinco la Champions, da romano dico “adesso qua, sigaretta in bocca, vivo di rendita per 10 anni, ho vinto la Coppa dei Campioni”. Passa un anno, e il Milan prende Jaap Stam. La vicino c’è Maldini, li guardo e mi dico che c’è da lavorare se no me seccano. Per rimanere 10 anni lì devi lavorare, ti devi fare un culo.[4]

Citazioni su Alessandro Nesta[modifica]

  • [«(Un difensore) di fronte al quale s'arrendeva per manifesta superiorità?»] Alessandro Nesta. Eri convinto di aver la palla e invece l'aveva lui, che anticipava sempre. Sempre pulitissimo, non s'attaccava neppure alla maglietta. (Dario Hübner)

Note[modifica]

  1. a b Da un'intervista a Thehardtackle.com; citato in Nesta chiarisce: "Non mi sento un traditore, ma sapevo che me ne sarei dovuto andare", Lazialità.it, 17 gennaio 2014.
  2. Da un'intervista a Sky; citato in Federico Lo Giudice, Nesta bacchetta Allegri e Inzaghi "È stata una bambinata", Gazzetta.it, 24 settembre 2012.
  3. Citato in Nesta: "Per Lotito ero cotto...", Tgcom.mediaset.it, 3 ottobre 2007.
  4. Da una diretta Instagram con Fabio Cannavaro, citato in"Farsi il c..o e non vivere di rendita": Milan, le parole di Nesta per ricordarti chi sei., calciomercato.com, 1° maggio 2020.

Altri progetti[modifica]