Anatolij Evgen'evič Karpov

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Anatolij Karpov

Anatolij Evgen'evič Karpov (1951 – vivente), scacchista russo.

Citazioni di Anatolij Karpov[modifica]

  • Negli scacchi c'è tutto: amore, odio, desiderio di sopraffazione, la violenza dell'intelligenza che è la più tagliente, l'annientamento dell'avversario senza proibizioni. Poterlo finire quando è già caduto, senza pietà, qualcosa di molto simile a quello che nella morale si chiama omicidio.[1]

Citazioni su Anatolij Karpov[modifica]

  • Nel 1975 Milano si era candidata come sede della sfida Fischer-Karpov, ma l'americano non giocò e il giovane russo venne proclamato campione del mondo. Pur avendo sconfitto, contro le previsioni di tutti gli esperti, Polugaevsky, Spassky e Korčnoj, Anatolij Karpov venne definito un «campione di carta». Egli rispose attuando il programma annunciato, ma non realizzato da Fischer: essere un campione del mondo che giocava e vinceva i grandi tornei. (Storia degli scacchi in Italia)

Note[modifica]

  1. Citato in Marco Pastonesi e Giorgio Terruzzi, Palla lunga e pedalare, Dalai Editore, 1992, p. 89, ISBN 88-8598-826-2.

Altri progetti[modifica]