Anita Ekberg

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Anita Ekberg nel 1956

Kerstin Anita Marianne Ekberg (1931 – 2015), attrice svedese naturalizzata italiana.

Citazioni di Anita Ekberg[modifica]

  • [Su La dolce vita] E pensare che a Fellini piaceva moltissimo come camminavo. Dentro la Fontana di Trevi, durante le riprese, feci su e giù una notte intera, senza mai inciampare. Marcello invece aveva freddo e così vuotò una bottiglia di whisky. Cadde tre volte. E per tre volte furono costretti ad asciugarlo. Alla fine gli fecero indossare gli stivaloni da pesca sotto i pantaloni. [...] Però non era un gran film. Quel film esiste per quella scena pazzesca. E in quella scena c'eravamo io e Marcello. Più io, in verità, che lui. Ero bellissima. Lo so.[1]
  • [Su Federico Fellini] Era un tipo molto esigente quando dirigeva, incline a improvvisi attacchi d'ira. Sul set era un padrone assoluto, d'altronde lui stesso lo diceva che fuori dal set si sentiva vuoto. Apparentemente gentile, in realtà un despota. In privato era un disastro. [...] Prima di tutto non aveva rispetto delle donne, affamato di sesso chiedeva prestazioni particolari.[2]
  • Gli devo certamente molto, ma anche lui deve molto a me. Anzi, forse più lui a me che io a lui per la famosa scena nella fontana di Trevi. Fellini era uno che carpiva idee agli altri, persino all'ultimo dei macchinisti, e le faceva proprie, senza poi riconoscerne la paternità a chi di dovere.[2]
  • [Su Federico Fellini] [...] quello che mi dava fastidio è che lui era falso, voleva apparire diverso da ciò che era, non era coerente. Era un uomo razionale che dimostrava poi di essere assolutamente irrazionale. [...] Tutti sanno che era fissato con maghi e veggenti, come una donnetta... diciamola tutta, era un provinciale. Si affidava alla divinazione di sensitivi, figuriamoci... e per me, che sono sempre stata con i piedi piantati a terra, era francamente insopportabile.[2]

Citazioni su Anita Ekberg[modifica]

  • Un mammifero di lusso... ma senz'anima, secondo me! (Divorzio all'italiana) [riferendosi in particolare alla performance in La dolce vita]

Note[modifica]

  1. Dall'intervista di Fabrizio Roncone, Anita, 80 anni in solitudine: «La vita? Ho vinto e perso», Corriere.it, 27 settembre 2011.
  2. a b c Da un'intervista del 2010; pubblicata nel Corriere della Sera, 13 gennaio 2015 e ripresa in Emilia Costantini, Cinquantamila.Corriere.it.

Film[modifica]

Altri progetti[modifica]