Arrietty - Il mondo segreto sotto il pavimento

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Arrietty - Il mondo segreto sotto il pavimento

Immagine Kari-gurashi no Arietti title.jpg.
Titolo originale

借りぐらしのアリエッティ
Karigurashi no Arrietty

Lingua originale giapponese
Paese Giappone
Anno 2010
Genere animazione, fantastico
Regia Hiromasa Yonebayashi
Soggetto basato sui racconti fantasy The Borrowers di Mary Horton
Sceneggiatura Hayao Miyazaki
Produttore Toshio Suzuki
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Arrietty – Il mondo segreto sotto il pavimento, film d'animazione giapponese del 2010, regia di Hiromasa Yonebayashi.

Incipit[modifica]

Io nell'estate di quell'anno trascorsi una singola settimana nella vecchia villa dov'era cresciuta mia madre. (Shō)

Frasi[modifica]

  • Se potesse esserci un zolletta di zucchero, potrei preparare il succo di perilla, che a metterlo nel tè è così buono! (Homily)

Dialoghi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Arrietty: Papà, è divertente prendere in prestito.
    Pod: Prova a guardare di sotto. Sono topi, se ci si imbatte in quelli là è un bel guaio.
    Arrietty: Nessun problema! [brandisce uno spillo come se fosse una spada] Ora come ora, per quel che venisse, mi batterei con questo.
    Pod: Ci sono anche pericoli che si può evitare di sfidare.
  • Shō: In questa casa, oltre alla tua famiglia, ci sono altri piccoli uomini?
    Arrietty: Qui non ce ne sono, siamo solamente noi tre.
    Shō: E in altre case?
    Arrietty: Ce ne saranno di certo! Anche se ne ho incontrato ancora solo uno.
    Shō: Capisco. Però, presto o tardi, finirete per rimanere soltanto voi, giusto? Man mano state diminuendo, non è vero? Voi altri siete una specie in via d'estinzione.
    Arrietty: Ma non è affatto così! Ce ne sono ancora tanti, ti dico. L'ha detto anche Spiller. [...] È un nostro simile. Spiller dice che ci sono tanti altri nostri simili.
    Shō: Tu lo sai quanti sono gli esseri umani in questo mondo? Sono sei virgola sette miliardi. [...] E di voi altri?
    Arrietty: Non saprei...
    Shō: Ormai non ce ne sarà che qualcuno, eh?
  • Arrietty: Dobbiamo sopravvivere ad ogni costo, l'ha detto anche il papà: quindi anche se c'è pericolo ce ne andiamo in un nuovo posto. Facendo a questo modo la nostra razza tira avanti adattandosi a vivere da qualche parte, solo che voi non lo sapete. Noi altri non ci estingueremo tanto facilmente!
    Shō: Scusami, è proprio come dici tu. In realtà a morire sarò piuttosto io. [porta la mano al cuore] Non sto bene qui. La settimana prossima mi opero, però andrà di certo male.
  • Sadako: Che cos'è mai questa confusione?
    Haru: Signora, è che... sono saltati fuori gli gnomi!
    Sadako: Gli gnomi?
    Haru: Esatto! E si tratta di gnomi ladri!
  • Sadako [avvicinandosi al salotto della casa delle bambole]: Che buon profumo di erbe. [prende una piccola teiera e l'apre, nota una foglia dentro al recipiente] Ah, c'è stato preparato del tè! Così come aveva detto mio padre, qui ci abitavano davvero degli gnomi...
    Shō: È proprio così.
    Sadako: La signora Haru li avrà visti davvero, anche se diceva che sono degli gnomi ladri.
    Shō: Non sono affatto dei ladri, sono "prendimprestito". [...] Vorrei incontrarli anch'io. Di certo, saranno da qualche parte.
    Sadako: Deve essere così.

Explicit[modifica]

Arrietty: Stiamo proprio per partire.
Shō: Per fortuna ho fatto in tempo. È stato Niya a farmelo sapere.
Arrietty [a Niya]: Ti ringrazio. Abbi cura di te.
Shō: E d'altro ci sarebbe... [porge una zolletta di zucchero ad Arrietty] Questa volta, sarei felice se tu potessi accettarla.
Arrietty [prende la zolletta]: Ti ringrazio. Ormai devo andare. L'operazione quando sarà?
Shō: Dopodomani. Ce la metterò tutta, grazie a te mi è scaturito il coraggio di vivere.
Arrietty [porge a Shō la molletta che usa come fermacapelli]: Tieni questo con te.
Shō: Ti ringrazio.
Arrietty: Il tuo proteggermi mi ha reso felice.
Shō: Arrietty...
Arrietty [piange]: Fin quando sarà, abbi cura di te. Addio. [si allontana da Shō]
Shō: Arrietty, tu sei diventata una parte del mio cuore: non ti dimenticherò, per sempre.

Altri progetti[modifica]