B. K. S. Iyengar

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
B.K.S. Iyengar

Belur Krishnamachar Sundararaja Iyengar (1918 – 2014), maestro indiano di Yoga.

Citazioni di B. K. S. Iyengar[modifica]

  • I sūtra sono brevi, ma pieni di gemme di saggezza su cui riflettere e con cui vivere: Patañjali ha studiato la condizione umana in profondità, ha identificato la causa della sofferenza dell'uomo e il modo e il modo di superarla, cioè come ognuno di noi può vivere una vita più piena e più felice.
    Ha analizzato la coscienza, i suoi stati e i suoi umori; la sua metodologia mostra una mente originale, un intelletto chiaro e penetrante, una capcità analitica sorprendente.[1]
  • La dieta vegetariana è essenziale per la pratica dello yoga.[2]
  • La pratica dello yoga aiuta il corpo pigro a diventare attivo e vibrante. Trasforma la mente, rendendola armoniosa. Lo yoga aiuta a mantenere il corpo e la mente in armonia con l'essenza, l'anima, così che i tre siano fusi in uno.[3]
  • Le acque tranquille di un lago riflettono le bellezze che lo circondano; quando la mente è serena, la bellezza dell'io si riflette in essa.[4]

L'albero dello Yoga[modifica]

  • L'argomento di cui io mi occupo è lo Yoga: la via per coltivare il corpo e i sensi, per affinare la mente, per educare l'intelligenza fino a raggiungere la pace dell'anima che è l'essenza del nostro essere. (p. 7)
  • Perché pensate alla violenza del mondo? Perché non pensate alla violenza che è in voi? Tutti noi dobbiamo fare molto esercizio. perché senza disciplina non possiamo divenire liberi, né può esistere libertà nel mondo senza disciplina. (p. 20)
  • Nello Yoga c'è una cosa che dovete ricordare: la parte più debole è la sorgente dell'azione. (p. 46)
  • Sottoponete le parole alla prova della vostra esperienza. Non lasciatevi influenzare dalle parole altrui. Mettete alla prova ogni parola con il lavoro e la pratica [...] L'esperienza è reale; le parole non sono reali: le parole sono degli altri, l'esperienza è solo vostra. (p. 71)
  • Qual è il vostro stato d'animo quando fate yoga? Qual è il motivo? Lo fate per migliorare il vostro aspetto allo scopo di essere più attraenti quando camminate per la strada? Oppure per educare il vostro io dal corpo all'anima? Se è vera quest'ultima ipotesi, lo yoga diventa spirituale. (p. 72)
  • La mia raccomandazione a tutti voi è di non cercare di aiutare là dove riconoscete di non sapere, perché è un rischio. (p. 99)

La vita e l'opera[modifica]

  • La meditazione deve cominciare con il corpo. Esso è il veicolo del Sé, che, se non è controllato nei suoi desideri, ostacola la vera meditazione. (p. 91)
  • L'intelletto deve essere reso umile affinché il corpo diventi tempio di Dio. (pp. 161 ss.)
  • Cerchiamo sempre il contatto col cielo, ma quanti di noi sono adeguatamente in contatto con la madre terra? (pp. 161 ss.)

Note[modifica]

  1. Da Commento agli Yoga Sūtra di Patañjali, p. 275.
  2. Da Light on Yoga; citato in Rynn Berry, Da Buddha ai Beatles: La vita e le ricette inedite dei grandi vegetariani della storia, traduzione di Annamaria Pietrobono, Gruppo Futura – Jackson Libri, 1996, p. 56. ISBN 88-256-1108-0
  3. Da Commento agli Yoga Sūtra di Patañjali, p. 17.
  4. Da Teoria e pratica dello Yoga, p. 28.

Bibliografia[modifica]

  • B.K.S. Iyengar, L'albero dello Yoga (Yoga Vrksa – The Tree of Yoga, 1988), traduzione di Laura Tommasi, Casa Editrice Astrolabio – Ubaldini Editore, Roma, 1989. ISBN 8834009800
  • B.K.S. Iyengar, La vita e l'opera (Iyengar: His Life and Work, 1987), traduzione di Mariangela Pietraforte, Edizioni Mediterranee, Roma,, 1992. ISBN 8827201246
  • B.K.S. Iyengar, Commento agli Yoga Sūtra di Patañjali, a cura di Gabriella Giubilaro, Giovanni Corbo, Agrippina Pakharukova, Edizioni Mediterranee, 2010.
  • B.K.S. Iyengar, Teoria e pratica dello Yoga (Light on Yoga, 1965), traduttore non riportato, Edizioni Mediterranee, Roma 1975. ISBN 8827200851

Altri progetti[modifica]