Bianca Balti

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Bianca Balti nel 2010

Bianca Balti (1984 – vivente), modella italiana.

Citazioni di Bianca Balti[modifica]

  • Amo la mia patria, anche se l'ho scoperta tardi perché da adolescente ero una ribelle. Ma quando ho avuto la bambina, e mio marito ha voluto che ci trasferissimo a New York, mi sono resa conto di quanto mi mancasse il mio Paese.[1]
  • Da ragazzina sognavo di fare la modella, poi ho cambiato idea e mi ci sono ritrovata per caso.[2]
  • E pensare che sono cresciuta in una famiglia molto pudica in cui non ho mai visto mia madre nuda, se non per sbaglio. Da quando ho vent’anni preferisco il topless in spiaggia e vado in giro molto spesso nuda con mia figlia in casa.[3]
  • La vera eleganza è quella che si adegua, ma non si piega alle mode.[4]
  • Mi sono tolta lo sfizio di una taglia in più per il seno, ne avevo sempre avuto pochissimo. Sapesse quante modelle lo fanno ma non avrebbero mai il coraggio di ammetterlo.[2]
  • Quando mia figlia Matilde si comporta bene, siede composta a tavola, veste elegante, le dico "sei proprio una signorina". E lei se ne compiace.[4]
  • Tutti ci prendono in giro per Berlusconi, ma tutti restano convinti che l'Italia sia il Paese più bello del mondo. Quando sui set scoprono da dove vengo, sono entusiasti. Noi vediamo noi stessi come furbetti e approfittatori, all'estero ci giudicano simpatici e solari. [...] Nei primi anni mi incazzavo, rispondevo: "Senti chi parla, voi avete Bush". Adesso cerco di ragionare. Di spiegare che l'Italia non è tutta Berlusconi.[1]

Note[modifica]

  1. a b Citato in Sara Faillaci, Bianca Balti: «Belén? Le invidio il lato B», VanityFair.it, 16 marzo 2011.
  2. a b Citato in, Bianca Balti: Tra tv e cinema scelgo la moda (per ora), it.tv.yahoo.com, 1 luglio 2011.
  3. Citato in Alessandro Argentini, Intervista: Bianca Balti Vorrebbe essere Alice ma si sente più simile al Bianconiglio., marieclaire.it, 26 aprile 2010.
  4. a b Citato in V. Debernardi, «Io e la mia Signorina», VanityFair.it, 27 marzo 2012.

Altri progetti[modifica]