Bolesław Matuszewski

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Bolesław Matuszewski (1856 – 1943), regista e fotografo polacco.

  • La fotografia cinematografica che compone in una scena migliaia di immagini e che formandosi tra una fonte luminosa e un lenzuolo bianco fa alzarsi e camminare i morti e gli assenti, questo semplice nastro di celluloide impressionato, costituisce non soltanto un documento storico ma una porzione di storia, e della storia che non è svanita, che non ha bisogno di un genio per essere resuscitata. (da Une nouvelle source de l'histoire: création d'un dèpot cinématographique historique, Paris, Noisette & C.ie, 1898. Traduzione italian Una nuova fonte della storia (creazione di un deposito di cinematografia storica) in G. Grazzini (a cura di), La memoria degli occhi. Bolesław Matuszewski: un pioniere del cinema, Roma, Carocci, 1999, p.65.[1])

Note[modifica]

  1. Citato in Francesco Casetti, L'occhio del Novecento: cinema, esperienza, modernità, Milano, Bompiani, 2005, p. 119.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]