Carlo Augusto di Sassonia-Weimar-Eisenach

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Carlo Augusto di Sassonia-Weimar-Eisenach (1757 – 1828), Duca di Sassonia-Weimar e di Sassonia-Eisenach (in unione personale) dal 1758, Duca di Sassonia-Weimar-Eisenach dalla creazione dello stato nel 1809, e Granduca dello stesso stato dal 1815 sino alla sua morte.

Citazioni su Carlo Augusto di Sassonia-Weimar-Eisenach[modifica]

Piccolo è certo il mio, tra i principi della Germania, | breve e stretto il suo stato, modesto il suo potere. | Ma se ognuno le forze all'interno e all'esterno così prodigasse, | allora esser tedesco tra tedeschi sarebbe una festa. |[...] | Mi ha lodato, l'Europa, ma che cosa mi ha dato? | Nulla! E le mie poesie le ho pagate, e salate. | La Germania mi imitò, la Francia si compiacque di leggermi! | E tu, Inghilterra, da amica accogliesti lo sconvolto straniero. | Ma pure, a che cosa mi serve se persino il cinese | Werther e Lotte su vetro dipinge con trepida mano? | Non vi fu imperatore che chiedesse di me, non un re | che di me si curasse. Egli per me fu Mecenate e Augusto. (Johann Wolfgang von Goethe)

Altri progetti[modifica]