Catene invisibili

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Catene invisibili

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Catene invisibili

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 1942
Genere drammatico
Regia Mario Mattoli
Soggetto Francesco Marturano, Aldo De Benedetti
Sceneggiatura Mario Mattoli, Vittorio Malpassuti, Marcello Marchesi, Aldo De Benedetti
Interpreti e personaggi

Catene invisibili, film del 1942 con Alida Valli, regia di Mario Mattoli.

Dialoghi[modifica]

  • Cesare Tani: Ma insomma, se ho ben capito, tu sei fuorioso di esserti innammorato.
    Carlo Danieli: Ecco, precisamente, proprio così.
    Cesare Tani: Ma, scusa, tu non sei mica il primo a cui capita una cosa simile. Cosa ci trovi di ridicolo, di assurdo?
    Carlo Danieli: Cosa ci trovo? Ma guardami, guardami bene. Ma ti pare che un uomo come me, con la mia età, la mia voce, questa faccia, questo naso ...
    Cesare Tani: Oddio, non sei un campione di bellezza, ma se gli uomini brutti non si dovessero sposare, tre quarti delle donne resterebbe nubili.
  • Cesare Tani: Ma insomma, si può sapere cosa pensi, cosa vuoi fare?
    Elena Silvagni: Non lo so.
    Cesare Tani: Come non lo sai? Se sei tornata di volo appena lui è partito, una ragione l'avrai avuta.
    Elena Silvagni: Può darsi. Una volta tu mi hai detto che bisogna essere fatalisti.
    Cesare Tani: Oh, che c'entra, io dico tante cose, se dovessi dar retta a me!
    Elena Silvagni: No, ma quella era giusta. La teoria del tronco d'albero che si lascia trascinare dalla corrente di un fiume.
    Cesare Tani: Già, ma la teoria funziona se c'è un tronco e c'è un fiume. Ma se tutti e due fate i tronchi fra dieci anni sarete sempre allo stesso punto.
  • Cesare Tani: C'è della gente che parla male della nebbia di Milano. Io non conosco quella degli altri paesi, ma questa di Milano è una gran nebbia, simpatica, affettuosa, cordiale. Ti fascia tutto come una carezza.
    Carlo Danieli: Già!
    Cesare Tani: E poi mi pare che la nebbia inviti all'intimità, all'ottimismo, alla confidenza.
    Carlo Danieli: Già!
    Cesare Tani: Però questa sera la nebbia non funziona.
    Carlo Danieli: Perché?
    Cesare Tani: Te ne stai lì, zitto, immusonito.
    Carlo Danieli: Già!
    Cesare Tani: Già, già, già! E invece dovresti essere un po' più allegro, no?
    Carlo Danieli: Credi?
    Cesare Tani: Senti, sarai un grande industriale, ma in fatto di psicologia femminile non ne capisci proprio un accidente.
    Carlo Danieli: Ma se è una settimana che mi fa fare una vita d'inferno.
    Cesare Tani: Una settimana. E ti pare molto? Sai cosa dicono i buddhisti: "Il dolore nasce dal desiderio. Per evitare il dolore occorre abolire il desiderio." Perciò, più si desidera, più si soffre.
    Carlo Danieli: E cosa vuol dire?
    Cesare Tani: Ah non lo so neanche io. Lo dicono i buddhisti, e i buddhisti se ne intendono di queste cose.

Altri progetti[modifica]