Caterina Campodonico

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Statua raffigurante Caterina Campodonico, posizionata nel Cimitero di Staglieno

Caterina Campodonico (1804 – 1882), personaggio storico genovese.

  • A forza di vendere nocciole e canestrelli | all'Acquasanta, al Garbo e a San Cipriano, | col sole, col vento e l'acqua a catinelle | per assicurarmi il pane per la mia vecchiaia | tra i pochi soldi mi ammucchiavo quelli | per tramandarmi al tempo più lontano | mentre son viva, vegeta e sana | Caterina Campodonico, la paesana | Se questa mia memoria vi piace | voialtri che passate pregatemi pace. [epigrafe][1]
A sun de vende reste e canestrelli | a l'Aegua Santa, au Garbu e a San Ceprian, | co u so, co u ventu, e l'aegua zü a tinelli | pe a mae veggiaia assegüame u pan || tra i pochi sodi m'ammüggiava quelli | pe tramandame au tempu ciü lontan | mentre sun viva, vegeta e sann-a | Catainin Campodonico a paisann-a | MDCCCLXXXI | Se questa mae memoja a ve piaxe | vüatri che passae, preghaeme paxe.

Note[modifica]

  1. Citato in Luca Ponte, Le genovesi, Fratelli Frilli Editori, Genova, 2004, p. 163. ISBN 88-7563-023-2

Altri progetti[modifica]