Caterina Franceschi Ferrucci

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Firenze, lapide commemorativa di Caterina Franceschi Ferrucci

Caterina Franceschi Ferrucci (1803 – 1887), scrittrice, poetessa, patriota ed educatrice italiana.

Degli studi delle donne italiane[modifica]

  • Avendo la Provvidenza fissato a tutte le opere di sua mano un fine determinato, e posto in ciascuna qualità e forze ad esso corrispondenti, ella prescrisse eziandio alla donna un fine speciale, né tralasciò di somministrarle il modo per conseguirlo. Quindi oltre all'obbligo che l'è comune con l'uomo di dare, cioè, la debita perfezione alle sue mentali potenze e ai suoi sentimenti, essa ha pure l'altro di compiere con perseveranza di opere e con santità d'intenzione tutti i doveri materni. (libro primo, cap. I, p. 9)
  • [...] non di rado avviene, che le fatiche durate nell'allevare i figliuoli ci sarebbero incomportabili, se la fantasia trasvolando nell'avvenire non ci sostenesse con la speranza de' molti beni che sono per uscire da quelle. Guardate infatti colei che veglia presso la culla del suo bambino. In quella povera creatura debole e muta ella già vede ed onora l'uomo; e precorrendo al tempo col desiderio, se lo figura cresciuto alle nobili discipline e alle civili virtù, decoro della sua casa e forse gloria della sua patria. (libro primo, cap. I, p. 10)
  • Che sono per una madre i disagi sofferti in pro de' figliuoli? Non vive essa in loro? Non ha nella loro trasferita in tal guisa l'anima sua, che insieme con essi si rallegra e piange, e per essi dimentica sé medesima, nonché i suoi comodi e i suoi piaceri? (libro primo, cap. I, p. 10)

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]