Claudio Gregori

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Claudio Gregori (1945 – vivente), giornalista italiano.

  • Il Mortirolo è un pugnale. La sua lama brillava davanti a Cunego come l'arma di un sacrificio. (da La Gazzetta Sportiva, 28 maggio 2006)
  • Nel 1919 Girardengo era stato l'eroe della rinascita dopo la Grande Guerra. Aveva appena salvato la pelle, superando la spagnola, che aveva mietuto migliaia e migliaia di vittime, soprattutto gente povera e denutrita. (da AA.VV., Girardengo, Ediciclo Editore, 2005, ISBN 978-88-88829-25-3; pp. 115-120)

Cavanna – L'uomo che inventò Coppi[modifica]

  • Cavanna è Omero. Cieco e al centro di un'Iliade affascinante e cruenta. (dalla prefazione)
  • Il mondo era opaco agli occhi di Cavanna. La cecità lo illuminò. La vista troppo spesso distrae, confonde, fuorvia. Il buio isola, porta alla meditazione, affila i progetti, produce i sogni. Cavanna aveva prima sognato Fausto Coppi. Poi lo plasmò. Trasformò la sua umile casa nell'atelier di Fidia a Olimpia. (dalla prefazione)
  • Cavanna previde Coppi. Con la luce disperata dell'intelligenza. Lo progettò, con fantasia indomabile, come Il Grande Airone. Poi lo vide volare con il cuore. Coppi fu la sua magia, la sua vita, il suo elisir. (dalla prefazione)

[da AA.VV., Cavanna - L'uomo che inventò Coppi, Ediciclo Editore, 2006, ISBN 978-88-88829-34-0]

Altri progetti[modifica]