Concilio di Calcedonia

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Vasilij Ivanovič Surikov, Quarto Concilio Ecumenico di Calcedonia, olio su tela, 1876.

Il Concilio di Calcedonia fu il quarto concilio ecumenico della storia del cristianesimo, che venne convocato dall'imperatore Marciano ed ebbe luogo nella città omonima nel 451 d. C.

Citazioni sul Concilio di Calcedonia[modifica]

  • Calcedonia è una sintesi armonica, non una mera giustapposizione, di diverse scuole e teologie. (Luis Francisco Ladaria Ferrer)
  • Il Concilio di Calcedonia continua a essere un punto fondamentale di riferimento per la retta fede in Cristo, non soltanto nella Chiesa cattolica. (Luis Francisco Ladaria Ferrer)
  • Mentre studiavo la letteratura della controversia iconoclasta dell'VIII e XIX secolo, la lotta pro o contro le immagini sacre nel cristianesimo, in tutta quella letteratura non ho trovato nessuna traccia di un dibattito estetico. [...] Gli iconoclasti, così come nell'Islam, ammettevano l'arte, ma essa doveva limitarsi strettamente all'ambito profano. L'iconoclastia era, in un certo senso, una secolarizzazione radicale dell'arte, una desacralizzazione dell'attività artistica. [...] I Padri del Concilio di Nicea (787) ne erano ben coscienti. Per loro, la legittimazione dell'icona di Cristo era come il sigillo apposto alla sua divinità stabilita dal primo Concilio di Nicea (325) e dalla sua divino-umanità affermata dal Concilio di Calcedonia (451). La Chiesa Ortodossa festeggia la vittoria definitiva dei difensori delle immagini nell'843 come il "trionfo dell'Ortodossia", celebrato liturgicamente ogni anno la prima domenica di Quaresima.Christoph Schönborn[1])
  • Il Gesù di cui parla Joseph Ratzinger nel suo libro appena uscito (Gesù di Nazaret – Dall'ingresso in Gerusalemme fino alla risurrezione, che segue il primo volume pubblicato nel 2007) non è invece Gesù, bensì il Cristo dogmatizzato dai Concili di Nicea (325) e Calcedonia (451), dominati e decisi dagli imperatori di Roma, che con il Gesù della storia nulla ha a che fare e anzi contraddice e nega sotto ogni aspetto essenziale. [...] Spiace dirlo, ma per tener fede alla spericolata pretesa di dimostrare la continuità tra Gesù di Galilea e il Cristo di Nicea, il professor Joseph Ratzinger è costretto a prodursi in quelle che sotto il profilo storico sono vere e proprie falsità, talvolta incredibilmente smaccate. ([Paolo Flores d'Arcais#Citazioni di Paolo Flores d'Arcais|Paolo Flores d'Arcais]][2])

Note[modifica]

  1. Christoph Schönborn,A Sua immagine e somiglianza ("L'homme et le Christ, à l'image de Dieu"), Lindau, Maggio 2008, ISBN 978-88-7180-754-6, traduzione dal francese di Silvia Mondino, pp. 12-13
  2. estratta da Gesù non era cristiano, MicroMega, 25 marzo 2011. URl archiviato il 6 Maggio 2011

.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]