Daniel Odier

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Daniel Odier (1945 – vivente), scrittore e saggista svizzero.

  • Il Vijñānabhairava tantra presenta "la quintessenza di tutti i tantra". Si situa di colpo sul piano della realtà assoluta, lasciando ad altri testi il compito di affrontare la realtà relativa, riti, visualizzazioni e altri insegnamenti. Andando direttamente alle pratiche estreme, attraverso l'eliminazione di qualsiasi oggetto transazionale che potrebbe frenare la ricerca del tantrika, il Vijñānabhairava tantra è in contatto con le radici più antiche dello shivaismo. (da Tantra Yoga, p. 30)

Tantra[modifica]

  • «Nel tantrismo non vi è fondamentalmente né tempio, né Dio, né dogmi, né credenza, non c'è che un immenso cordone ombelicale che riallaccia ogni essere e ogni cosa al divino. Sperimentare un risveglio è intravedere questo nella sua totalità, nello spazio di un secondo.» (Devī, p. 41)
  • «Meditare in solitudine o camminare nel frastuono di una città affollata, è fondamentalmente la stessa cosa. È solo quando ci siamo resi conto di questo che cominciamo a meditare veramente. Meditando, non corriamo dietro a nulla, non cerchiamo nessuno stato, nessuna estasi oltre all'essere totalmente nella realtà.» (Devī, p. 101)
  • Devī mi attirò verso di sé. Mi misi a percorrere il paesaggio del suo corpo, con lentezza infinita, come un viaggiatore assetato. Lei fece lo stesso e ciò che noi scoprivamo s'inseriva immediatamente nella coscienza dell'altro. (p. 142)

Bibliografia[modifica]

  • Daniel Odier, Tantra. L'iniziazione di un occidentale all'amore assoluto, traduzione di Enrico Nicolini, BEAT, 2013.
  • Daniel Odier, Tantra Yoga. Il Vijñānabhairava Tantra, traduzione di Titti Follieri, BEAT, 2018.

Altri progetti[modifica]