David Ben-Gurion

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
David Ben-Gurion

David Ben-Gurion (1886 – 1973), politico israeliano.

Citazioni di David Ben-Gurion[modifica]

  • La terra di Israele fu la culla del popolo ebraico.
    Qui fu formata la sua entità spirituale, religiosa e nazionale. Qui esso conquistò l'indipendenza e creò una civiltà di significato nazionale ed universale.
    Qui esso scrisse e dette la Bibbia al mondo.
    Esiliato dalla Palestina, il popolo giudaico rimase ad essa fedele in tutti i paesi della sua dispersione, non cessando mai di pregare e di sperare per il ritorno e per la restaurazione della propria libertà nazionale.
    Spinti da questa storica associazione, gli Ebrei lungo tutti i secoli si sforzarono di tornare alla terra dei loro padri e di recuperare la dignità di Stato.
    In decenni recenti sono ritornati in massa.
    Essi hanno bonificato il deserto, fatto rivivere la loro lingua, costruito città e villaggi e stabilito una comunità vigorosa ed in continua espansione, con una propria vita economica e culturale.
    Cercarono pace, ma erano preparati a difendersi.
    Recarono la benedizione del progresso a tutti gli abitanti del paese.
    Dopo che numerosi congressi internazionali riconobbero lo storico legame del popolo ebraico con la Palestina e dopo che la persecuzione nazista inghiottì milioni di Ebrei in Europa, risultò ancor più chiara l'urgenza della costituzione di uno stato ebraico capace di risolvere il problema della mancanza di patria per gli Ebrei, aprendo le porte a tutti gli Ebrei ed innalzando il popolo ebraico al livello degli altri popoli nella famiglia delle nazioni.
    Il 29 novembre 1947 l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato una decisione a favore della fondazione di uno Stato Ebraico indipendente in Palestina ed invitato gli abitanti del paese a prendere le misure richieste da parte loro per attuare il piano. Questo riconoscimento, da parte delle Nazioni Unite, del diritto al popolo ebraico di stabilire un proprio stato indipendente non può essere annullato. (da Proclamazione dell'indipendenza, 1948)
  • Ci sono stati l'anti-semitismo, i nazisti, Hitler, Auschwitz, ma loro [gli arabi] in questo cosa c'entravano? Essi vedono una sola cosa: siamo venuti e abbiamo rubato il loro paese. Perché dovrebbero accettarlo?[1]
  • I villaggi ebraici sono stati costruiti al posto dei villaggi arabi. Voi non li conoscete neanche i nomi di questi villaggi arabi, e io non vi biasimo perché i libri di geografia non esistono più. Non soltanto non esistono i libri, ma neanche i villaggi arabi non ci sono più. Nahlal è sorto al posto di Mahlul, il kibbutz di Gvat al posto di Jibta; il kibbutz Sarid al posto di Huneifis; e Kefar Yehushua al posto di Tal al-Shuman. Non c'è un solo posto costruito in questo paese che non avesse prima una popolazione araba.[2]
  • Tra di noi non possiamo ignorare la verità ... politicamente noi siamo gli aggressori e loro si difendono ... Il paese è loro, perché essi lo abitavano, dato che noi siamo voluti venire e stabilirci qui, e dal loro punto di vista li vogliamo cacciare dal loro paese. (da un discorso del 1938[3])
  • Se avessi saputo che era possibile salvare tutti i bambini della Germania trasportandoli in Inghilterra, e soltanto la metà trasferendoli nella terra d'Israele, avrei scelto la seconda soluzione, a noi non interessa soltanto il numero di questi bambini ma il calcolo storico del popolo d'Israele.[4]

Attribuite[modifica]

  • Dobbiamo usare il terrore, l'assassinio, l'intimidazione, la confisca delle terre e l'eliminazione di ogni servizio sociale per liberare la Galilea dalla sua popolazione araba. (maggio 1948, agli ufficiali dello Stato Maggiore)
Molti riportano come fonte di questa citazione la biografia di Michael Bar-Zohar, Ben-Gurion. A Biography, Delacorte, New York, 1978. Il Committee for Accuracy in Middle East Reporting in America (CAMERA), un'organizzazione statunitense no profit pro-Israele, ha contattato nel 2004 l'autore Bar-Zohar, il quale ha assicurato che la citazione non compare nel suo libro.[5]
  • Noi non vogliamo, non abbiamo bisogno di espellere gli arabi e prenderci i loro posti.
We do not wish, we do not need to expel Arabs and take their places. (da una lettera a suo figlio Amos, 5 ottobre 1937; citato in Efraim Karsh, Fabricating Israeli History: The 'New Historians, 2000)
  • Noi dobbiamo espellere gli arabi e prenderci i loro posti. (1937[6])
[We] must expel Arabs and take their places.[7]

Note[modifica]

  1. Citato in Nahum Goldmann, The Jewish Paradox, Weidenfeld and Nicolson, 1978, pp. 121-122. Tradotto da www.tradizione.biz Cattolicesimo & politica.
  2. Citato in Nahum Goldmann, The Jewish Paradox, Weidenfeld and Nicolson, 1978, p. 99. Tradotto da www.tradizione.biz Cattolicesimo & politica.
  3. Citato in Noam Chomsky, Fateful Triangle, pp. 91-92, citando Simha Flapan, Zionism and the Palestinians, pp. 141-142. Tradotto da www.tradizione.biz Cattolicesimo & politica.
  4. Citato in Shabtai Teveth, Ben-Gurion, pp. 855-56. Tradotto da www.tradizione.biz Cattolicesimo & politica.
  5. Deborah Passner, Mideast Tension at UC Irvine Gets National Coverage, CAMERA, 1° ottobre 2004.
  6. Citato in Ben Gurion and the Palestine Arabs, Oxford University Press, 1985. Tradotto da www.tradizione.biz Cattolicesimo & politica.
  7. Citato in Benny Morris, The Birth of the Palestinian Refugee Problem, 1947-1949, 1987, p. 25.

Altri progetti[modifica]