Discussione:Bertrand Russell

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Senza fonte[modifica]

  • Ciò che gli uomini vogliono realmente non è la conoscenza, ma la certezza.
  • I moralisti sono persone che rinunciano ad ogni piacere eccetto quello di immischiarsi nei piaceri altrui.
  • I vantaggi della guerra, se ce n'è qualcuno, sono solo per i potenti della nazione vincente. Gli svantaggi ricadono sulla povera gente.
  • Il proverbio è l'ingegno di un uomo e la saggezza di tutti.
  • In ogni cosa è salutare, di tanto in tanto, mettere un punto interrogativo a ciò che a lungo si era dato per scontato.
In all affairs – love, religion, politics, or business – it's a healthy idea, now and then, to hang a question mark on the things you have long taken for granted.
Citato in The Reader's Digest, Vol. 37 (1940), p. 90, ma non vi sono altre fonti.
  • [La noia] La considero un indice di intelligenza superiore e credo che la sua importanza sia davvero enorme.
  • La fiducia nella bontà di Dio è inversamente proporzionale alla dimostrazione.
  • La filosofia è un tentativo straordinariamente ingegnoso di pensare erroneamente.
  • La guerra non stabilisce chi ha ragione, ma solo chi sopravvive. (citato in Call of Duty 4: Modern Warfare)
War does not determine who is right – only who is left, ma sembra priva di ulteriori fonti.
  • La materia... una formula conveniente per descrivere cosa succede dove non ce n'è.
  • La paura è la fonte principale di superstizione e di crudeltà. Vincere la paura è l'inizio della saggezza.
  • La scienza ci dà la possibilità di conoscere i mezzi per giungere a uno scopo prescelto, ma non ci aiuta a decidere quali scopi perseguire.
  • La scienza è ciò che si conosce, la filosofia è ciò che non si conosce.
  • La vita retta è ispirata dall'amore e guidata dalla conoscenza.
  • L'amore è qualcosa di più del desiderio del rapporto sessuale; è il mezzo principale per sfuggire alla solitudine che affligge la maggior parte degli uomini e delle donne durante gran parte della loro vita. C'è una paura redicata, nella maggior parte della gente, della freddezza del mondo e della possibile crudeltà del gruppo; esiste un desiderio di affetto che viene spesso nascosto da maniere dure, rozze e prepotenti negli uomini e da continui rimproveri e lamentele da parte delle donne.
  • L'etica è all'origine l'arte di raccomandare agli altri i sacrifici richiesti per cooperare con noi stessi.
  • L'istinto non è completamente soddisfatto se l'intera essenza dell'uomo, tanto mentale quanto fisica, non entra nella relazione.
  • L'uomo è un animale credulone e deve credere in qualcosa. In assenza di buone basi per le sue convinzioni, si accontenterà di basi cattive.
  • L'universo è immenso, e gli uomini non sono altro che piccoli granelli di polvere su un insignificante pianeta. Ma quando più prendiamo coscienza della nostra piccolezza e della nostra impotenza dinanzi alle forze cosmiche, tanto più risulta sorprendente ciò che gli esseri umani hanno realizzato.
  • Le opinioni dell'uomo medio sono molto meno fallaci di quelle che sarebbero se essi pensassero a se stessi.
  • Le stelle sono nel cervello dell'uomo.
  • Non morirei mai per le mie opinioni: potrei avere torto.
  • Non serve tanto il desiderio di credere quanto quello di scoprire, che è esattamente il suo opposto.
  • Ogni progresso della civiltà è stato denunciato come innaturale quando era ancora recente.
  • Ogni umana attività è indotta dal desiderio.
  • Quando ero giovane mi piaceva la matematica. Quando la matematica è diventata troppo difficile, mi sono dato alla filosofia, e quando la filosofia è diventata troppo difficile sono passato alla politica.
  • Se ci fosse nel mondo un numero più cospicuo di persone che desiderano la propria felicità più di quanto desiderino l'infelicità altrui, potremmo avere il paradiso nel giro di qualche anno.
  • Solo sulle salde fondamenta di un'inflessibile disperazione si può d'ora innanzi costruire l'edificio dell'anima.
  • Un'allucinazione è un fatto, non un errore; ciò che è sbagliato è il giudizio basato sull'errore.