Discussione:Fëdor Dostoevskij

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

"Penso che se il diavolo non esiste, ma l'ha creato l'uomo, l'ha creato a sua immagine e somiglianza. (da I fratelli Karamazov)"

Che senso ha questa frase? E' corretta od è un refuso? Purtroppo non ho una copia del testo dal quale attingere..

*nto 20:28, 25 dic 2006 (UTC)

Significa: se è vero che il diavolo non esiste perché è un'invenzione dell'uomo, allora l'uomo l'ha creato a sua immagine e somiglianza, cioè attribuendogli i propri difetti. --Nemo 09:07, 27 dic 2006 (UTC)

probabilmente, però è mal copiata, perchè sintatticamente non funziona: "se...., ma" . idem non ho una copia del teso e comunque cercare in tutto il testo sarebbe realmente complesso... dovrebbe saperlo chi l'ha messa. --Freeronin2 26 gen 2006, ore 21.04 (UTC)

Come sintatticamente non funziona? Penso che: principale; l'ha creato a sua immagine e somiglianza: subordinata (1° grado) dichiarativa, oggettiva, quello che vuoi; se il diavolo non esiste: subordinata ipotetica (2° grado); ma l'ha creato l'uomo: coordinata alla sub. 2° gr..
Forse il dubbio è l'indicativo? Ma perché non è una vera ipotetica, e quel se introduce un postulato, in realtà (vedi lemma).

Google[modifica]

Attualmente questa voce è all'11° posto in Google cercando "Dostoevskij" (terzo cercando "Fëdor Mikhailovič Dostoevskij"); voglio vedere se aggiungendo un collegamento da Wikipedia col titolo «Delitto e castigo» cambia qualcosa. (Vedi anche al bar.) Nemo 02:58, 10 ago 2007 (CEST)

Edizioni[modifica]

La mia edizione di Delitto e Castigo è quella edita dalla Mondadori e tradotta da Serena Prina. Ignoro quella Einaudi, di Polledro. Comunque, i riferimenti della Mondadori si potrebbero uniformare tutti alla Einaudi... Non dovrebbe essere difficile ritrovarli. Alesa 11:32, 14 ago 2007

No no, bisogna citare l'edizione che hai usato, altrimenti si attribuisce alla persona sbagliata la traduzione. Puoi fare semplicemente come me, scrivendo l'edizione in bibliografia e mettendo la sua data dopo ogni citazione che hai inserito. Nemo 00:55, 16 ago 2007 (CEST)

Memorie dalla Casa dei morti[modifica]

riporto qui discussione con utente Ciao! Ho visto che hai messo una versione diversa di incipit eliminando quella esistente. Non conoscendo l'opera non posso dire quale delle due sia giusta: non si somigliano molto. Di solito quando si fanno interventi radicali (eliminazione di contributi altrui) si motiva l'eliminazione nella pagina di discussione o nell'oggetto della modifica. Partendo dal presupposto che siano "giuste" entrambe le versioni, di solito non si cancella un incipit per mettere quello che si ha sottomano: esiste la convenzione per le versioni multiple: Wikiquote:Modello_di_voce#Incipit. Inoltre le sezioni si mettono in questo ordine:

  • inpit
  • citazioni
  • explicit

Ciao e buon proseguimento. --Quaro75 21:11, 26 mag 2008 (CEST)

Ciao! Ti ringrazio per la precisazione. Adesso starò più attento. Riguardo all'incipit precedente (quello che avevo erroneamente cancellato), era precisamente la prefazione del libro scritta dallo stesso autore. Credo che l'incipit sia l'inizio di un romanzo, e quindi non si debba tenere conto della prefazione. Il precedente commento non firmato è stato inserito da Giottone (discussioni · contributi).

Senza fonte[modifica]

  • È pericoloso reprimere nei giovani l'orgoglioso entusiasmo.
  • La civiltà ha reso l'uomo più sanguinario di quanto non lo fosse un tempo.
  • L'arte e la rivolta non moriranno che con l'ultimo uomo.
  • Noi abitiamo in un paradiso, ma non ci curiamo di saperlo.
  • Per un momento le bugie diventano verità.
  • Quando ogni uomo avrà raggiunto la felicità, il tempo non ci sarà più.
  • Siamo tutti esuli dal nostro passato.
  • Un pigro! Ma è un titolo, una missione, è tutta una carriera. Non prendetela a scherzo, è così.
  • Vita e menzogna sono sinonimi. (Bobok)