Domenico Cammarota

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Domenico Cammarota (1953 – vivente), scrittore di fantascienza e saggista italiano.

  • [Rispondendo alle domande: "Ma come è nato un personaggio tanto singolare come Wolverine? Quali radici possiede l'uomo dai poteri di un ghiottone? Quale relazione potrebbe esserci con la storia in questione, con il Canada, addirittura con il leggendario Wendingo?"] E come quando finite Primavera ed Estate, quel selvaggio Logan dei boschi, seppellendosi nel cavo d'un albero, vi passava l'inverno, succhiandosi le zampe; così, nella sua inclemente, ululante vecchiaia, l'anima di Ahab, s'azzittiva nel tronco vuoto del suo corpo, per cibarsi disperatamente delle zampe della propria tristizia.[1]

Note[modifica]

  1. Ripreso da una prozine dedicata al mutante: Wolverine-20°Anniversario (Tornado Press); citato nell'intro "L'arte di essere mutante" a cura di Stefano Munarini, su Wolverine contro l'Incredibile Hulk, Collana Bookstore presenta Wolverine: Intro, Marvel Comics, numero 4, maggio 1998.