Endre Ady

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Endre Ady nel 1910

Ady Endre (1877 – 1919), poeta ungherese.

Citazioni di Endre Ady[modifica]

  • Amo colui che parte, | che piange o si desta, | e nei freddi mattini brinati | i campi. || Amo la stanca rinuncia, | il pianto senza lagrime, | la pace, rifugio di saggi, di poeti | e di malati. || Amo i delusi, gl'invalidi, | coloro che sono fermi, | gl'increduli, i tristi: il mondo. || Io sono il parente della morte, | Amo l'amore che muore, amo baciare | chi se ne va. (da Il parente della morte, [1])
  • Com'è bello! Domani è Domenica delle Palme, | e torna, serena, l'antica leggenda: | E forse si troverà ancora un uomo con l'asino | e con amore che lotta per gli altri. | Perché noi abbiamo molto bisogno di asinità. | Gesù. Primavera, Gerusalemme: | La storia è molto antica, | Amen, amen. (da L'uomo dell'asino[2])

In Poesia ungherese del Novecento[modifica]

  • Tra ombre immani, nella nebbia che si gonfia, | qui sugli acquitrini ogni cosa s'offusca. | Folgora la mia anima talvolta | lanciando faville contro i mostri | e perché non si consumi nel fuoco | e perché viva, talvolta, | fuori di questo grigio cosmo | alzo la fronte fiera e possente. || Sono un uomo di luce immerso nella nebbia, | sono volontà nel torpore, | sono il miracolo della gente degli acquitrini, | nato per la luce e qui rimasto | in attesa d'un mattino | che la nebbia spazzerà via. | E attendo l'alba se già non arrivi. || L'alba verrà [...] (da Visione sugli acquitrini, p. 45)
  • Qui le lacrime sono più salate | e diversa è anche la cattiva sorte: | sono mille volte Messia | i Messia ungheresi. (da I Messia ungheresi, p. 49)
  • Dammi gli occhi tuoi | per seppellirli nel mio viso di rughe, | perché dolce e incantevole io possa vedermi. (da Dammi gli occhi tuoi, p. 51)
  • Il più grave fardello del Nulla | mi pesa addosso, il grande Nihil | è la mia strada e la mia sorte | è andare, andare, andare... | E Dio è il mio sogno. (da Dio è il mio sogno, p. 52)

Note[modifica]

  1. In Lirica ungherese del '900, introduzione e traduzione di Paolo Santarcangeli, Guanda, Parma, 1962, pp. 14–15.
  2. In Lirica ungherese del '900, introduzione e traduzione di Paolo Santarcangeli, Guanda, Parma, 1962, p. 22.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]