Eugen Jebeleanu

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Eugen Jebeleanu (1911 – 1991), poeta e traduttore rumeno.

Citazioni di Eugen Jebeleanu[modifica]

  • Terra, terra silenziosa. | Silenziosa, | con la pelle bruciata, la statura nuda, | perdona, Hiroshima... | Perdona ogni passo | che sfiora una tua ferita, rompe una cicatrice... | Perdona uno sguardo | che ti fa male anche se t'accarezza... | Perdona qualsiasi parola | che smuove l'aria in cui cerchi | i tuoi bambini, | popoli di bambini perduti per sempre. | Non c'è | non può esistere | una tomba! Vento c'è... vento... vento... | È la loro voce | che risuona | di giorno in giorno più debole | soltanto nel ricordo. (da Il primo incontro[1])

Note[modifica]

  1. In Il sorriso di Hiroshima, brano pubblicato nella rivista L'Europa letteraria del dicembre 1961, traduzione di Dragos Vranceanu e Franco Costabile; citato in Giuseppe Passarello, Voci del tempo nostro, antologia di letture moderne e contemporanee, Società editrice internazionale, Torino, 1968, p. 904.

Altri progetti[modifica]